Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

 Famiglia Ceva Grimaldi

Arma: inquartato, nel 1° e  4° fasciato d'oro e di nero (per Ceva); nel 2° e 3° fusato d'argento e di rosso (per Grimaldi).
Dimora: Napoli
Titoli:
baroni di: Gambatesa
duca di: Caccuri, Telese (1609), delle Pesche (1793 - per successione casa Pisanelli)
marchese di: Pietracatella (1606), Montorio (1743 - per successione casa Mastrogiudice)
patrizi di: Genova
nobili di: Napoli fuori Piazza


©  Arma della Famiglia Ceva Grimaldi

La nobilissima famiglia Ceva, di origini piemontese, vanta due Vescovi di Tortona: Giovanni dei Marchesi di Ceva dal 1364 al 1392 e Carlo Francesco Ceva (n. Milano, 1625 1700), dal 12 luglio 1683.

Biblioteca NA- Vescovi di Tortona
Ritratto del Vescovo Carlo Francesco Ceva
Per gentile concessione di Don Ernesto Stramesi, coautore del libro "Stemmario dei Vescovi di Tortona".

Il Casato nel 1390 si diramò con Gherardo, figlio secondogenito del marchese Oddo di Ceva, in Genova dove nel 1528 fu aggregato all'Albergo Grimaldi; da allora tutti i discendenti aggiunsero al proprio il cognome Grimaldi.
Nel 1545 Cristoforo Ceva Grimaldi († 1591) passò a Napoli, ove i discendenti furono ascrittì fuori Piazza
(1) e nel il 4 settembre 1793 furono aggregati al Real Monte di Manso(2), istituzione benefica con lo scopo di assicurare gratuitamente un’istruzione elevata ai figli delle famiglie patrizie napoletane e a quelle nobili aggregate come Montiste.

Detto Cristoforo nel 1566 comprò da Giovanni di Capua, conte di Altavilla, per la somma di 20.000 ducati la terra di Pietracatella, all'epoca in Terra di Capitanata, a pochi chilometri da Campobasso, insieme coi feudi di Caziello e Pisciariello; nel 1574 comprò dalla Regia Corte la portolania della medesima terra(3); nel 1575 acquistò i feudi di Solopaca e Telese, entrambi in Terra di Lavoro.
Giovan Francesco Ceva Grimaldi (Pietracatella, 1559
† 1618), fu creato da Filippo III nel 1606, 1° marchese di Pietracatella; sposò Vittoria del Balzo, figlia di Marcantonio barone di Santa Croce e Casalvatica.
Bartolomeo Ceva Grimaldi (1591
† 1663), figlio del duca Giovanni Antonio e di Emilia Adorno, 2° duca di Telese alla morte del padre (1616) sposo Adriana Cavallo, nobildonna di Amantea(3 bis).  
Nel 1678 AntonioTommaso Ceva Grimaldi, e nel 1680 Giuseppe, marchese di Pietracatella, furono confratelli
dell' Augustissima Compagnia della Disciplina della Santa Croce, prima arciconfraternita laicale sorta a Napoli nel 1290 con il silenzioso auspicio del Pontefice Nicolò III, al secolo Giovanni Gaetano Orsini (1216 1280), ricordato anche da Dante (Inferno, XIX, 70-72). L’ istituzione che fin dalle origini ha operato per il bene della collettività, assistendo i più bisognosi, vanta tra i suoi membri i Papi Clemente XIV, Pio IX, Leone XIII, Pio X e il fior fiore della nobiltà, con innumerevoli  togati, uomini d'arme, pubblici reggitori, esponenti delle lettere e delle arti, tra i quali spiccano Jacopo Sannazaro (1455 1530),  i Cardinali Rinaldo Brancaccio (nel 1384 fece erigere la prima navata della chiesa) e Astorgio Agnese, e il duca di Maddaloni  Domenico Marzio Carafa, Priore dell’arciconfraternita nel 1724.
Nel giardino dell'Arciconfraternita si riunirono nel 1485 i nobili per cospirare contro re Ferrante I d'Aragona.
Nel 1723 aderì all'Arciconfraternita anche il duca di Tolve, Marcello Ceva Grimaldi; nel 1853 fu confratello anche Francesco Ceva Grimaldi (Napoli, 1831
† Roma, 1899), nobile napoletano, duca delle Pesche, marchese di Pietracatella e di Montorio, Gentiluomo di Camera con esercizio di S.M. il Re delle Due Sicilie, Senatore del Regno d'Italia e Cavaliere dell'Ordine Costantiniano. Sposò Costanza Statella dei principi di Cassano.
A seguito di matrimonio tra
Raffaele Petra (Napoli, 1798 † ivi, 1873) e Donna Rachele Ceva Grimaldi, duchessa di Caccuri († 1853), il titolo di duca di Cuccari passò in casa Petra.


Il duca Francesco Ceva Grimaldi

Il duca Francesco, figlio del marchese di Pietracatella e cavaliere del Real Ordine di San Gennaro e del Real Ordine di San Ferdinando e del merito Giuseppe Ceva Grimaldi (Napoli, 1777 † ivi, 1862), abitò prevalentemente a Napoli nella villa, un tempo adornata con giardini, statue e fontane, che nel 1760 la sua ava Angela Maria Pisanelli, duchessa delle Pesche e moglie del marchese di Pietracatella Giuseppe Maria Ceva Grimaldi (1705  †  1757), aveva restaurata e ingradita.


Napoli - Villa Ceva Grimaldi, oggi Istituto scolastico

Alla villa, suddivisa da quattro edifici, si accedeva mediante un lungo viale che divideva il fondo con circa 40.000 alberi e due giardini all'inglese(4).
 

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace e per Francesco Maria, Giuseppe e Rachele Ceva Grimaldi il Registro della “Real Commissione dei Titoli di Nobiltà” – Archivio di Stato di Napoli.

 Fonti:
- Archivio di Stato di Napoli - Serra di Gerace, Alberi genealogici manoscritti
- Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana

_______________
Note:
1) Francesco Bonazzi di Sannicandro, "Famiglie nobili e titolate del Napolitano"
2) Vincenzo di Sangro, "Genealogie di tutte le famiglie patrizie napoletane e delle nobili fuori seggio".
3) Lorenzo Giustiniani, "Dizionario geografico-ragionato del Regno di Napoli".
3 bis) Manoscritto 469121 - "Notices sur les principales familles du Royaume des Deux Siciles", Parigi 1858, pag. 70.
4) Maria Mautone, "Ville al Vomero".


Continua sul quinto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved  
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi