Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle cittÓ del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Stemma Famiglia Cond˛

Arma: troncato da una fascia in divisa di rosso, al primo d'oro alla testa di pavone al naturale, al secondo d'oro alla rosa bottonata di rosso.


Trepuzzi (Lecce) - Stemma Famiglia Cond˛, inquartato con le insegne dei Castriota-Scanderberg
e  dei Radalivich di Polignano.

La famiglia Cond˛, come risulta anche dal Liber Rubeus Universitatis Lippiensis pubblicato a stampa da Schena Editore in due volumi 1997-1998, Ŕ di origine francese.
AGOSTINO, Patrizio Parigino dei Conti di Villa Canteblas
(1), si trasferý a Lecce con Gualtieri VI di Brienne (1300 circa - 1356), conte di Lecce; fu aggregato al patriziato leccese, fu
barone di San Cesario, Castrý, Acquarica, Caprarica.
Nel 1354, BERNARDO
(2) era barone di San Donato, Terenzano, Trepuzzi, Castrý.
La famiglia Cond˛ Ŕ stata per secoli alla ribalta della storia di Lecce attraversando tre fasi che si possono chiamare militare - amministrativa - della committenza.
Sotto i re angioini, sotto i conti di Lecce, Gualtieri VI di Brienne, Pirro d'Enghien, Maria d'Enghien e poi sotto il
re Ladislao di Durazzo, i Cond˛ furono baroni di sette feudi, in Terra d'Otranto, (Acquarica, Caprarica, Castrý, San Cesario, San Donato, Trepuzzi e Terenzano) che circondavano  Lecce, a proteggerla militarmente.
GiÓ nel 1400 i Cond˛ assunsero cariche amministrative nella cittÓ di Lecce: GIOVANNI I sindaco nel 1410, ANDRIOLO sindaco nel 1466, GIOVANNI II sindaco nel 1510 (conferisce a G.V. Ferro l'incarico di redigere il Libro Rosso); BARTOLOMEO e MATTEO furono notai, FILIPPO fu regio giudice, GASPARE I fu sindaco nel 1568.

Nel XVII secolo i Cond˛, che giÓ avevano palazzo e casa in Lecce, sembrano disporre di notevoli risorse finanziarie; GIOVANNI BATTISTA I riacquista il feudo di Trepuzzi e Terenzano e concorre alla costruzione della chiesa Matrice sulla quale pone il suo stemma; in Santa Maria del Tempio a Lecce viene eretta una cappella opera di Gabriele Riccardi; in Santa Irene a Lecce viene costruita una cappella, di patronato Cond˛, che contiene un crocifisso ligneo attribuito a Vespasiano Genuino; MARINO Cond˛, primo marchese di Trepuzzi
(3), costruisce la cappella attribuita ad Antonio Zimbalo nella chiesa di Trepuzzi; GIOVANNI Cond˛ costruisce la cappella nel palazzo di Trepuzzi; GIAN DOMENICO costruisce la Cappella della masseria Le Case Bianche di Trepuzzi; viene costruita la cappella Cond˛ in San Michele Arcangelo a Novoli.


Trepuzzi - Arco d'ingresso del castello vecchio, su cui capeggia lo stemma della Famiglia Cond˛
da http://www.mappeditalia.it/default.asp?opr=2&pic=67&id=0 

La committenza sacra dei Cond˛ culmina nella costruzione (o rifacimento) della cappella dei santi Bernardo, Tolomei, Francesca Romana e Benedetto in San Nicola e Cataldo; la cappella Ŕ tuttora intitolata ai Cond˛.
Altri
feudi dei Cond˛ furono Cesano o Caracciolo, Dragonetti, Villa Bruna, Castiglione, Cugni.
Con diploma dato a Madrid da re Filippo IV d'Asburgo-Spagna il 18.07.1653 a MARINO Cond˛ fu concesso il titolo di
marchese di Trepuzzi.
A Trepuzzi vi sono gli stemmi dei Cond˛ sulla facciata della Chiesa Madre (partito a quello dei Castriota-Scanderbeg), nella cappella all'interno della chiesa (partito a quello dei de Liguori e semitroncato a quello dei  Castriota-Scaderberg e a quello dei Radalovich di Polignano), sul castello vecchio (inquartato a quello dei Castriota-Scanderberg e a quello dei Radalivich di Polignano).

A Lecce vi sono la cappella Cond˛, opera di Mauro Manieri, in San Nicola e Cataldo, la corte dei Cond˛, una cappella in Sant'Irene; il palazzo dei Cond˛ si trovava nel portaggio di San Giusto nell'isola dei Cond˛ (Stato delle Anime del 1631).

Famiglie imparentate ai Cond˛ anteriormente al 1700:

Acquaviva, Aliarulo, Bozzicorso Bozzicolonna, Brajda, Caracciolo, Carluccio, Castriota-Scanderberg, de Gennaro, de Liguori, Delli Falconi, Delli Monti, De Muro, De Negris, Guarini, Longo, ManfrŔ, Mattei di Palmerigi, Mosco, Nale, Paladini, Perrone, Petrarolo, Prato, Radalovich di Polignano, Riccio, Sangiorgio, Saraceno, Scaglione, Vadacca, Versienti.

Famiglie imparentate ai Cond˛ posteriormente al 1700:
Arena,  Asmundo di Gisira, Barca, Biggi, Campanella, Casilli, De Simone Niquesa, De Simone, Fioravanti, Gilardi, Giordano, La Valle, Limongelli, Lucisano, Music˛, Molteni-Corbellini, Musa, Noquerol De Niquesa, Porta, Pugliese, Ricciardi, Ruggi d'Aragona, Tosi Iosi. 
 

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace.

Per eventuali approfondimenti si consiglia di leggere il libro "Documenti per una storia dei Cond˛" di Gian Franco Cond˛ Arena,  Edizione 2015 - Graphus Lecco.

__________________________
Note:
1) documento del 1369, Transumptum del 1465, Libro Rosso XX, pagg. 130 e seguenti, Ed. Schena, vol. I
2) documento del 1354 Transumptum del 1464,  Libro Rosso, pagg. 269 e seguenti, Ed. Schena, vol. I
3) Diploma datato Madrid 18 luglio 1653
 

 Pagina realizzata dal dr. Gian Franco Cond˛ Arena, notaio


Continua sul quinto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright ę 2007 www.nobili-napoletani.it -
All rights reserved
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi