Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

 

Arma: d'azzurro a tre fasce ondate d'oro, col capo d'oro caricato da tre gigli d'azzurro.
Residenza: Napoli
Titoli:
barone di:
Macchia, Meda e Roccaromana
duca di: Castro e di San Felice
patrizio di: Ravello e Napoli.

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani.it
© Stemma Famiglia Frezza, duchi di San Felice


La famiglia Frezza o Freccia è una delle più antiche e nobili della città di Ravello; le prime notizie risalgono al 1100 con Orso Freccia.
Si diramò in Nola, Tropea, Barletta, Trani e Napoli, ove fu ascritta al Patriziato Napoletano del Seggio di Nido.
Nel 1217 Giovanni fu arcivescovo di Manfredonia.
Nel 1275 Niccolò Freccia, Nicola Confalone, Tommaso Coppola, Alessandro d’Afflitto,  Andrea Bonito, Matteo Rufolo, Nicola Acconciaioco, Ganizzo di Palma e Angelo Pironti, prestarono al re Carlo I d’Angiò l’ingente somma di mille once d’oro, ricevendo come pegno la corona reale tempestata di pietre preziose. In seguito Niccolò divenne consigliere di re Carlo II d'Angiò e Luogotenente del Gran Protonotario del Regno.
Giacomo, fu anch'egli consigliere di re Carlo II, e poi di re Roberto d'Angiò; fu dal 1300 al 1321 Giudice della Gran corte della Vicaria.
Nel 1419 il Casato ottenne dalla regina Giovanna II di Durazzo l'esonero parziale di tasse in Ravello.
Nel 1340 Nicola, Signore di Baiano e San Marzano, fu creato barone di Macchia da re Roberto;  pochi anni dopo, Giacomo fu nominato barone di Meda e Roccaromana
.
Nel 1539
Marino, Presidente della Regia Camera della Sommaria, fu consigliere dell'imperatore CarloV d'Asburgo-Spagna; giureconsulto insigne ed autore di celebri opere tra le quali il trattato "De suffendis".

Nel 1553 il feudo di Castellabate, in Principato Citra, da Giovanni Sanseverino, conte di Marsico, passò a Marino Freccia.

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani.it (p.s.d. - b.s.d.m.)

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani.it (p.s.d. - b.s.d.m.)

© Napoli - Cappella gentilizia Famiglia Freccia o Frezza, situata accanto alla Cappella della Natività.

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani.it (p.s.d. - b.s.d.m.)


Andrea, valoroso uomo d'arme, distintosi alla battaglia di Lepanto, nel 1575 fu creato duca, titolo imposto nel 1575 sul feudo di S. Felice.
Il Casato fu ricevuto nell'Ordine di Malta nel 1596.
Albina sposò Francesco Toraldo, principe di Massa, che fu ucciso durante la rivoluzione di Masaniello.
La Famiglia risulta iscritta nell'Elenco Nobiliare del 1922 col titolo di duca di S. Felice e patrizio di Ravello in persona del duca Carlo Frezza, cavaliere dell'Ordine Costantiniano di S, Giorgio, nato a Napoli nel 1874, figlio di Ignazio († 1881) e di Marianna Dentice delle Stelle dei conti di S. Maria Ingrisone.
 

DA UN ANTICO MANOSCRITTO DEL SEICENTO
di proprietà di Ettore d'Alessandro


Questa famiglia è antica della Città di Ravello della fertilissima non meno di Nobiltà che di cose necessarie all’uso umano costiera d’Amalfi da tempo in tempo si trapiantarono alcuni Rami di essa dalla loro originaria Città in questa di Napoli nella quale fu ammessa a godere le prerogative fra le altre Nobili del Seggio di Nido, e ciò stimo seguisse sin dal Regnare de Re Angioini, poichè negl’ultimi anni di Giovanna prima si legge ANTONELLO FREZZA per uno della Piazza di Nido come anche di NICOLO' in tempo de quali Rè si leggono ne registri della Regia Zecca onorate memorie di alcuni personaggi di essa, ma non cospicua ed Illustre non avendo sormontati il grado di Gentiluomini di Seggi, ed essendo la maggior parte di essi poveri di beni di fortuna si sono applicati alla scienza Legale, così nei tempi antichi, come in quei anni più vicini, e tralasciando l’antiche de quali se ne leggono infiniti nei detti Registri, come di FRANCESCO ed ANDREA nell’Abruzzo in tempo di Carlo I di NICOLO' Regio Consigliere, ed Avvocato de poveri, a tempo de Durazzeschi, ed Aragonesi, poi a, tempo più vicino cià sin dal tempo del Regnare de Rè Austriaci, si ha memoria d’ANTONIO anco giuriconsulto, del quale volendo tessere Genealogia sino a tempi presenti. Dico che da lui nacquero due figliuoli, cioè quel CALAMARINO, che fù Regio Consigliere, e scrisse quel famoso trattato de Sub Feudis, e CARLO da CALAMARINO e da Luisa Scattaretica Nobile Salernitana sua moglie, nacque fra gl’altri figliuoli DEZIO il quale si fè Padre di MARINO, e di FABIO che fù Duca di Castro, con Giovanna Vncenza Macedonio; MARINO con Donna Ippolita Orsini de Conti di Piacentro e poi d’Oppido, procreò due figliuole quali furono Donna ELVINA, e Donna MARIA. Donna ELVINA ebbe tre mariti, il primo fu Don FABIO Duca di Castro suo Zio Carnale, col quale non fè figli, il 2° fu Alessandro Pallavicino Nobile Genovese, con il quale generò alcuni figliuoli, fra quali Don Carlo Pallavicino, che si fe sposo di Donna Laura Pignatello de Duchi di Montecalvo, e fù Capitano della Guardia, di Don Pietro, e del Cardinale d’Aragona fratelli ambi Vicerè di Napoli, ed il 3° fù Don Francesco Toraldo Principe di Massa, e Maestro di Campo Generale di Filippo IV in Spagna, che poi fu miseramente ammazzato nel 1647 dal tumultuante Popolo di Napoli che l’aveva eletto per suo Capitano Generale, e con questo suo 3° marito una sola figlia maritata in Napoli al Reggente Don Melchiorre de Navarra e Cavaliere dell’abito d’Alcantara, il quale poi fu Vicerè d’Aragona, ed ultimamente ha esercitato la Carica medesima del Regno del Perù. Donna MARIA sorella di detta ELVINA, ebbe anco ella due mariti, il primo fu Giovanni Battista reggente del Seggio di Montagna famiglia oggi estinta, ed il 2° Ri Francesco Macedonio del Seggio di Porto.

Da CARLO 2° figliuolo d’ANTONIO, e fratello di MARINO Regio Consigliero, ebbe per moglie Delia Dentice di quei della Stella, e con essa procreò CARLO, ed ANDREA. CARLO si casò con Beatrice Pignone, dalla quale oltre due maschi, che furono religiosi Teatini, ebbe anco due femmine una chiamata COSTANZA maritata a Dezio Favilla Duca di Presenzano, e l’altra Donna ANNA, ad Alessandro Cortese povero gentil uomo, di Sorrento, e vaglia a dire il vero ambedue queste sorelle furono poco riguardevoli della loro pudicizia. ANDREA fratello di CARLO fu anche egli Dottore di Legge, ed ebbe due mogli, la prima di casa Sellarulo nobile Beneventana, che li portò in dote comodità di viveri, essendo egli come i più della sua famiglia povero di beni di fortuna, con la quale fra gl’altri fè CESARE detto Ceccio, e CHIARA, la 2° fù Vittoria Massaniello de Marchesi della Teana, con la quale fe un altra figliuola chiamata FELICE. Queste due sorelle ancora sono state poco pudiche, benchè assai belle di corpo, perchè CHIARA essendo stata per la sua bellezza presa in moglie da Andrea Villano, de Marchesi della Polla, e poi morto costui da Don Carlo Pinelli fratello di Cosmo Duca della Celenza, che la condusse nella Città di Monteleone in Calabria, dove stette alcuni anni al governo di quello Stato ove mentre il suo Marito dava col suo talento, e giudizio soddisfazione a quei Popoli, la moglie con la bellezza la dava al Duca Fabrizio che era rimasto vedovo di Geronima Pignatello sua Moglie, ed essendo rimasta CHIARA vedova la 2° volta, per la morte ivi seguita del Pinelli, la tenne il Duca sotto la sua protezione in Monteleone per molti anni, ma essendo il Duca nel 1664 venuto a morte, non avendo CHIARA più che fare in quelle parti, se ne tornò in Napoli ma molto avanzata in età.
FELICE sua sorella fu moglie prima di Geronimo Sicarra nobilissimo Cavaliere, il quale essendo Governatore della Città di Cosenza vi condusse la moglie ove tenendo ridotto di Gioco in Casa, come soglion fare i Governatori ci andava spesso Biase Oriolo Precettore della Provincia, ed essendo bell’uomo e quella poco pudica, facilmente si accesero d’impudico Amore quale poi terminò co le nozze di detto Oriolo, seguita per la morte del Sicarra quali si fecero nella terra di Rende, ove dopo la morte del Sicarra si era FELICE ridotta dentro un Monastero di detta terra per dar Colore alla sua finta onestà, e dopo morto alcuni anni l’Oriolo, passò alle 3e nozze col Don Giuseppe Correale di famiglia Civile, ma non de nobili di Sorrento.

CESARE loro fratello ebbe tre mogli la prima fù di Casa Scondito, e vedovo di costei passò alle 2e nozze con una Spagnuola di Casa d’Avolos, e morta anco costei prese la 3a quale fò Maria Amendola figlia di Giovanni Battista Presidente di Camera, che era rimasta vedova del Duca di Pescolanciano in Apruzzo di Casa Alessandro, nè con la prima, nè con la 3 fè figliuoli, ma con la 2a fè due maschi, cioè Don ANDREA e Don PIETRO a quali due si ristringe tutta la Famiglia, essendo in Ravello pochi anni sono un altro Ramo di essa, Don ANDREA ha fatto il suo domicilio nella Città di Tropea in Calabria dove ha preso moglie, e fatto figli. Don PIETRO suddetto si è congiunto in matrimonio qui in Napoli con Dorotea Giordano figlia di Carlo che fù Mercante, e Credenziero della Dogana di Napoli la quale fù vedova di Michele Santi Barba della Città di Venafro, e l’ha portato ricca dote.

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace e per i titoli il Registro della "Real Commissione dei Titoli di Nobiltà".


Continua sul quinto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved 
 

Appunti:
Gio: Bernardino Tajani (1535†1582) sposa Apollonia Frezza dei Patrizi di Ravello.
Venienza Frezza sposò Priamo Confalone, figlio di Eustachio (Stasio) Confalone, patrizio di Ravello e di Cipriana Campanile di Pasca.
Irene Frezza, figlia di Giovanni duca di San Felice e di Agata Capece Minutolo, sposò il giorno 13.11.1875 Filippo Coppola, nato a Napoli il 17.10.1833 dal conte Cesare Coppola e Maria Antonia Ruffo di Motta Bagnara.

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi