Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Famiglia Galdi

Parte seconda

Galdi di Marigliano
a cura del Cav. Guido Galdi

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Arma famiglia Galdi di Marigliano, in piperno

Don Ferdinando Galdi è il primo della famiglia a stabilirsi a Marigliano; era nato a Coperchia in Principato Citra, da Biagio nel 1728.

© Immagine proprietà Casa Galdi

© Immagine proprietà Casa Galdi

© Marigliano (Napoli) - Villa Galdi

Nel 1754 sposa Isabella Vivo del fu Agnello della città di Tramonti e si stabilisce a Marigliano; ha sei figli: Sebastiano (n. 1775), Giuseppe (n. 1757), Giuseppe (n. 1759), Celestino (n. 1761), Carmine (n. 1762) e Vincenzo (n. 1765).
I primi quattro muoino in età pupillare, restano gli altri due: Carmine e Vincenzo, quest'ultimo non avrà discendenza essendo Canonico della Insigne Collegiata di Marigliano.
Di lui si sa solo che viveva di rendita. All'Archivio di Stato di Caserta, per il notaio Penna (pacco 2101 e 2103) si rivengono due atti dai quali risulta che prestò una somma di denaro ad un suo vicino, senza interessi, che allo scadere dei termini non venne pagata, il secondo atto rinnova il prestito sempre senza interessi.
Don Ferdinando muore a Marigliano nel 1793 lasciando ogni suo avere al figlio Carmine.


© Arma famiglia Galdi di Marigliano, in legno

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Stemma famiglia Galdi di Marigliano - calcare

Il Conte Vincenzo Ambrogio (1743 † 1820), già citato nella prima parte, avendo contatti con il cugino Ferdinando di Marigliano, venne a sposare sua figlia Maria Giuseppa  col Contino Pasquale d'Amore di Marigliano.
Il nipote di Ferdinando, Tommaso (Marigliano, 1786 † ivi, 1838), figlio di Carmine e trisavolo del Cav. Guido Galdi, sposò la figlia di Maria Giuseppa, Teresa d'Amore, fu così che i Galdi di Marigliano ereditarono proprietà, mobili e archivio del Conte Vincenzo Ambrogio.

Famiglie imparentate con Casa Galdi nei suoi vari rami

Prima del 1495:

de Reillane: Guglielmo I d’Agoult (Agaldo) 995 1041, sposa Adelaide de Reillane discendente di Carlo Magno, per tale ragione Carlo I d’Angiò dichiarerà la famiglia di Amelio d’Agaldo del suo stesso sangue.
del Balzo:
Inauris d’Agoult (Agaldo) sposa nel 1045 Ugo del Balzo Signore di Les Baux.
de Luchecto: Soldano I Gualdo, Barone di Buxalca nel 1229. Sposa Adelicia de Luchecto, nipote di Ruggero Logoteta, cameriere dell’imperatrice Costanza.
Sanseverino: Isnarda (1250
1293), figlia di Amelio d’Agaldo di Corbano, sposa Tommaso II Sanseverino, Conte di Marsico, figlio di Teodora d’Aquino, sorella di San Tommaso.
Cantelmo: Margherita, figlia di Amelio d’Agaldo di Corbano, sposa Giacomo Cantelmo, regio Consigliere di Carlo I d’Angiò.
di Favilla e d'Altavilla:
Landolfo Ingaldo, governatore di Ischia nel 1299, sposa in prime nozze Agnisella di Favilla ed in secondi voti Agnese d’Altavilla.
da Procida: Restituta Ingaldo, figlia di Landolfo, sposa nel 1300 Giovanni da Procida, figlio di Landolfo, fratello del più famoso Giovanni autore del Vespro Siciliano. Il loro amore fu immortalato nella giornata quinta, novella sesta del Decamerone del Boccaccio.

Dopo il 1495:

d'Aragona: Don Nicolazzo, figlio di Don Bartolomeo, sposa Donna Giovanna Maria d’Aragona.
Fasano:
Don Gramazio, dottore in Legge e avvocato, figlio di Don Filippo Sebastiano, sposa Donna Laura Fasano dei Baroni di Sant’Agata, San Felice ed Arco. Nata nel 1632 e discendente di papa Giovanni XVIII, nonché di Riccardo Fasano, Consigliere di Stato e familiare di re Roberto d’Angiò nel 1333. Donna Laura porterà in dote la Cappella gentilizia, con affreschi giotteschi, di San Giovanni a Carbonara.

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani

© Napoli - Altare cappella famiglia Galdi

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani

L'epigrafe, tradotta in italiano, recita:
                                                                                     D.O.M.
In una unica sepoltura con la dinastia dei Fasano, avendo ereditato i diritti di fruizione di questo sacello marmoreo, la Gens Galdia dall’origine più remota giunta dall’Alemagna (Svevia), e sotto l’Imperatore Federico II si trasferì a Rimini e Vicenza nel 1220, dove i rappresentanti di questa stirpe furono insigniti dei titoli di Cavalieri e Conti Palatini del Sacro Romano Impero e dell’Aula Pontificia Lateranense e da ciò massimamente distintasi quando diede ospitalità all’imperatore Carlo V. Si trasferì nelle Due Sicilie dove molteplici discendenze di vari rami furono arricchiti con feudi latifondi ed onori civili e militari. Giovanni Paolo Galdi dei Baroni di Castel Galdo, Patrizio di Giovinazzo ed Ischia, non immemore dell’immortalità, dunque, con accesa devozione e per offrire una maggiore eleganza nel culto al Titolo della Vergine del SS. Rosario la curò abbellendola affinché le sue spoglie e quelle dei suoi potessero dormire il sonno eterno nel luogo più onorevole con l’assenso dei cugini Carlo, Domenico e Gramazio junior A.D.  MDCCXXXIII

Il ramo di Don Angelo Geronimo si unisce in matrimonio con le famiglie:

Marzano: una delle “Serenissime Sette Grandi Case del Regno di Napoli”, Don Gian Battista, n. nel 1550 sposa Dianora Marzano;

Scala: patrizi di Sanseverino;

d’Arco: Don Silvestro, n. nel 1591 sposa Marina d’Arco;

Sessa: Don Matteo, n. nel 1650 sposa Donna Cecilia Sessa;

Quaranta: Donna Anna Maria del Galdo sposa nel 1729 Don Ferdinando Francesco Quaranta di Fossalopara;

Don Luigi, n. nel 1894, sposa Donna Annamaria Quaranta dei Baroni di Fusara, n. nel 1900;

Soriente: Don Raffaele, n. nel 1739 sposa Donna Mariantonia Soriente;

Rossi: Don Angelo, n. nel 1731 sposa Donna Rosa Rossi.

Il ramo discendente da Don Filippo Sebastiano si unisce in matrimonio con le famiglie
Mari
di Genova: Don Francesco, n. nel 1594, sposa Donna Antonia Mari;
Don Francesco, n. nel 1600 sposa Donna Vittoria Mari, n. nel 1600; Don Giovan Bernardino, n. nel 1604, sposa Donna Antonia Mari, n. nel 1619;  Don Gian Berardino III, n. nel 1614, sposa Donna Antonia Mari, n. nel 1623;

della Scala: Don Giovan Antonio sposa Donna Isabella della Scala;

Fornari del Reggente e Forte del Vescovo: Don Giovan Paolo, n. il 7-03-1649 sposa in primi voti Donna Anna Maria Fornari del Reggente di Brindisi ed in seconde nozze, Donna Diana Forte del Vescovo;

Fiore: Don Pasquale, morto nel 1783 sposa Donna Eugenia Fiore, dei Nobili di Sorrento;

Fumo e de Matteis: Don Gennaro Maria, n. nel 1649, sposa Donna Orsola Fumo dei Signori di Mottola e suo fratello minore, Don Agostino, sposa Donna Teresa de Matteis dei Baroni di Salla e Torrecerruta;

Calderoni: Don Nicola Angelo, n. il 2-10-1722, sposa Donna Claudia Calderoni patrizi di Gravina, della stessa famiglia Calderón Conti di Oliva;

de Divitiis: Don Nicola, n. nel 1629, sposa in secondi voti, Isabella de Divitiis, n. nel 1645;

d’Avossa: Don Sebastiano, n. nel 1719, sposa Donna Laura d’Avossa, n. nel 1728;

Galdi 3
Salerno, stemma famiglia d'Avossa

della Guardia: Don Pietro Antonio, padre di Don Vincenzo Ambrogio, sposa Donna Antonia della Guardia di Bitonto; 
de Sio Vincenti: Don Vincenzo Ambrogio, n. il 7-12-1743, sposa Donna Petronilla de Sio Vincenti, nobili di Cava, Conti di Belforte, per Successione Napoletana il feudo di Belforte passerà al Conte Vincenzo Ambrogio Galdi d’Aragona.

Il ramo discendente da Don Carlo, si unisce in matrimonio con le seguenti famiglie:

de Conciliis: Donna Antonia Del Galdo, sposa nel 1621 Domenico Geronimo de Conciliis Baroni di Torchiara;

Materazzi: Don Giovan Domenico sposa Donna Belluccia Materazzi dei Baroni di Serramezzana; Don Giuseppe Antonio sposa Donna Anna Materazzi dei Baroni di Porcili;

del Baglivo: Don Francesco Paolo, Barone del Galdo, m. nel 1749 sposa Donna Maria del Baglivo dei Baroni di Casigliano e Perdifumo;
Rizzo:
Donna Maria Antonia sposa il 3-09-1722 Don Vincenzo Rizzo Marchese di Castrovetere;

Cardone: Don Giuseppe, Barone del Galdo, m. nel 1787, sposa  Donna Costanza Cardone dei Marchesi di Prignano e Melito;

Gagliardi: Don Giovan Domenico, Barone del Galdo, sposa Donna Teresa, figlia di Don Francesco Gagliardi Barone di Noce, Camella e Casalicchio, degli antichi Baroni di Santa Caterina;

sua sorella Donna Fortunata sposa il Barone Don Niccolò Gagliardi.

          Il ramo dei Galdi di Marigliano si unisce in matrimonio con le famiglie:
d'Amore
: D. Maria Giuseppa, figlia primogenita di Don Vincenzo Ambrogio Galdi (1742 † 1820) Conte Palatino e della Contessa D. Petronilla de Sio Vincenti, Contessa di Belforte, sposa il Conte D. Pasquale d'Amore di Marigliano (vedi capitoli matrimoniali). Non avendo fratelli, alla morte del padre, ereditò, come previsto dalla successione napoletana, tutti i diritti feudali. Ebbe per figlia D. Teresa d'Amore che sposò suo cugino D. Tommaso Galdi di Marigliano.

© Immagine proprietà Casa Galdi
Marigliano, Chiesa del Convento Verginiano - stemma d'Amore.

Giudice: D. Mario Galdi (n. a Nola, 1902  † Marigliano, 1955), figlio di D. Alberto e di  D. Erminia Sirignano, sposa D. Stella Giudice.
Pagliaro: D. Carmine Galdi (n. a Marigliano, 1762  †  ivi, 1828), figlio di D. Ferdinando e di D. Isabella Vivo, sposa D. Fortunata Pagliaro.
Sirignano: D. Alberto Galdi (n. a Napoli, 1860 †  Nola, 1928), figlio di D. Giuseppe e di  D. Luisa Grippa, sposa D. Erminia Sirignano;
D. Gilda Galdi (n. a Napoli, 1869 † Marigliano, 1948), figlia di D. Giuseppe e di D. Luisa Grippa, sposò il Col. M. Felice Sirignano, fratello di D. Erminia Sirignano.
de Vivo: D. Ferdinando Galdi (n. a Coperchia, 1728  † Marigliano, 1728), figlio di Biagio,  sposa D. Isabella de Vivo q. Agnello.

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Arma Famiglia Giudice

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Arma Famiglia Pagliaro

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Arma Famiglia Sirignano

© Immagine proprietà Casa Galdi
© Arma Famiglia de Vivo

 

Fonti:
N. Morelli, Conte Vincenzo Ambrogio Galdi di Aragona, in "Biografia degli uomini illustri".
Archivio privato di Casa Galdi

Parte prima / Documenti / Genealogia


Continua sul sesto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it -
All rights reserved
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi