Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Famiglia Guindazzo

Arma: d’oro con tre bande spinate d’azzurro. Alias: di nero con la banda d’argento, caricata da tre aquile di nero al volo spiegato coronato dallo stesso, con la bordura dentata di rosso (1).

Duomo
© Stemma della Famiglia Guindazzo, duchi di Apollosa

La famiglia Guindazzo o Guindazzi ha goduto di nobiltà in Salerno nel Seggio di Campo, in Sessa, in Giovinazzo e in Napoli dove era ascritta al Patriziato Napoletano dei Sedili di Nido e Capuana.
Vestì l’abito di Malta nel 1523 con Giulio Guindazzo, cavaliere del Priorato di Capua, nel 1582 con Gian Paolo Guindazzo di Napoli che armò a sue spese una galea e nel 1636, e con Carlo.
Il Casato ebbe numerosi feudi e fu investita dei seguenti titoli:
baroni di: Acerno, Aqcuaviva, Agobio, Anogia, Apetina, Calabritto, Colaviti, Canneto, Cantarello, Carmiano, Casale, Cropolati, Crosia, Formello, Grotteria, Martorano, Mirabella, Oppido, Pietrapaola, Sarno e Teora;
duchi di: Apollosa e Risigliano (o Resigliano).

Ai tempi degli Angioini i medici erano nobilissimi, possedevano feudi e occupavano uffici supremi.
Bernillo Guindazzo (
1382), medico, fece parte del Consiglio Supremo del Re.

Ch. S. Caterina a Formiello
© Napoli - stemma partito con le armi delle famiglie Piccolo e Guindazzo.

Giovanni e Gabriele Guindazzo furono eletti tra i più nobili alla guardia della regina Giovanna I d’Angiò.
Nel 1326 Ligorio Guindazzo fu tra i Baroni che seguirono Carlo, duca di Calabria, nella guerra in Toscana in aiuto dei Fiorentini, insieme a Filippo Crispano, Ludovico di Tocco, Matteo Seripando, Landolfo Maramaldo, Pietro Moccia, Pietro Galluccio, Bartolomeo Loffredo, Andrea e Landolfo Ajossa, Pierino Tomacello, Giovanno Marino, Bartolomeo Bonifacio, Rinaldo Pandone, Ruggiero Pagano, Tommaso Dentice, Pietro dell’Amendolea, ed altri.
Nel 1340 Corrado, Capitano generale della città di Gaeta, morì nella battaglia di Castello d’Itri contro il conte di Fondi.
Nel 1380 Franceschello Guindazzo fu maresciallo del Regno e Ambasciatore a Firenze.
Nel 1388 Sergio fu giustiziere della penisola sorrentina.
Nel 1589  Antonio Guindazzo fu Governatore delle regie razze di cavalli in Puglia; alla sua morte fu sostituito con Ottavio Zunica.
Nel 1638 Ottavio Guindazzo, insieme ad altri 37 cavalieri Napoletani, fu uno dei fondatori del MONTE GRANDE DE’ MARITAGGI di Napoli, istituzione benefica con lo scopo di assicurare una cospicua dote alle fanciulle aristocratiche che si sposavano
(2).

Duomo
© Napoli - lastra tombale della famiglia Guindazzo - Anno 1633

Duomo
© Stemma della Famiglia Guindazzo

Il titolo di Apollosa passò in casa Guindazzo a seguito di matrimonio celebrato tra Maddalena Capece Piscicelli (Napoli, 1645 † Pomigliano d’Atella, 1713), duchessa di Apollosa dal 1685, e  Tommaso Guindazzo, duca di Risigliano e Reggente della Gran Corte della Vicaria.
Il feudo di Pitrapaola, terra in Calabria Citra, appartenuto alla famiglia Guindazzo passò alla famiglia Sambiase di Cosenza.

Sant'Anastasia
© Palazzo Guindazzi

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace.

_________________
Note:
1) - Archivio di Stato - Fasci 426 e 4214
2) -
Istituirono il Monte Grande de’ Maritaggi 38 nobili, essi furono: Tommaso (detto anche Giovan Tommaso) Filangieri figlio di Luigi barone di San Lorenzo e Filetto dei duchi di Laurino, Scipione Filomarino Mastro di Campo, Carlo Dentice delle Stelle, Pacido Dentice del Pesce, Carlo Cavaniglia marchese di San Marco, Landolfo d'Aquino, Giovanni d'Aquino, Alfonso del Doce duca di Cufriano, Giulio Caracciolo, Carlo Andrea Caracciolo marchese di Torrecuso, Ettore Caracciolo marchese di Barasciano, Giovan Francesco Caracciolo, Giuseppe Caracciolo principe di Torella, Marcantonio Carafa, Carlo della Leonessa principe di Sepino, Donato Coppola duca di Cassano, Fabrizio de Silva, Federico Pappacoda marchese di Pisciotta, Orazio di Gennaro, Francesco Galluccio, Ottavio Guindazzo, Giovan Battista Brancaccio di Cesare, Ferrante Brancaccio di Rinaldo principe di Ruffano, Paolo Marchese marchese di Camarota, Giovan Francesco di Sangro principe di Sansevero, Scipione di Sangro duca di Casacalenda, Giovan Battista di Sangro principe di Viggiano, Goffredo Morra marchese di Monterocchetta e Principe di Morra, Vincenzo Mora, Ottavio Monaco, il Consigliere Tommaso de Franchis, Andrea de Franchis marchese di Taviano, Francesco Maria di Somma, Carlo Spinello principe di Tarsia, Giovan Battista Pisanello, Antonio Castigliar marchese di Grumo, Orazio Suardo e Vincenzo del Tufo.


Casato inserito nel 4° Volume di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved  
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi