Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia.   

 

Arma: d’azzurro alla fascia d’argento accompagnata in capo da un pino al naturale  sostenuto da due leoni d’oro  e in punta da tre bande d’argento.
Dimora: Napoli
Titoli:
barone di: Pratella, Mastrate
marchese di: Prata (1694).
duca di: Roccavecchia (1707)
principi: di Conca (1727)


© Napoli - Arma della famiglia Invitti

La famiglia Invitti, originaria di Milano, passò nel Napoletano nel XIV secolo. Nel 1508 ottenne S. Martino, casale di Marigliano in Terra di Lavoro, sempre nella stessa Provincia del Regno di Napoli, nel 1595 acquistò il feudo di Prata; il feudo di Conca (oggi Conca della Campania) nel 1419 appartenne a Giaovannantonio  Marzano, duca di Sessa, nel 1467 a Matteo di Capua, nel 1481 a Bartolomeo di Capua col titolo di Contado, ed infine nel 1706 alla famiglia Invitti, oltre le terre di Pratella e di Mastrate, che il Casato già possedeva da tempo.
Carlo Invitti nel 1694 fu investito del titolo di marchese di Prata.
Cesare Invitti, figlio di Carlo, fu giudice della Gran Corte della Vicaria e nel 1707 ottenne il titolo di duca di Roccavecchia, feudo rustico in tenimento di Pratella che la famiglia già possedeva.
Nicola Invitti, fratello di Cesare, nel 1727 fu decorato col titolo di principe di Conca.
Il feudo di Castelmenardo (oggi frazione del comune di Borgorese in provincia di Rieti) nel Catalogus Baronum risulta appartenere a Gentile Vetulo, che per esso doveva fornire un milite. Il feudo divenne proprietà della famiglia Cesarini Sforza sino a quando il duca Gaetano lo vendette alla nobile famiglia degli Invitti. Agli inizi del XVIII secolo, Chiara Invitti dei marchesi di Prata, sposò nel 1692 Flavio Gurgo († 1720), portando in dote la terra di Castelmenardo.
La famiglia risulta iscritta nell’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1921 con Cesare Invitti, nato a Napoli nel 1881, figlio del principe Filippo e di Antonietta Garofalo di Rotino, principe di Conca, duca di Roccavecchia, marchese di Prata, barone di Pratella e Mastrate; impalmò a Portici nel 1902 Rosa Rapolla.


© Napoli - Stemma con le armi delle famiglie Gurgo e Invitti, imparentate

Chiara Angiola Invitti dei Principi di Conca sposò il 18 luglio 1791 il marchese Giuseppe Ruggi d’Aragona.

Per eventuali approfondimenti si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace e gli Affari della “Real Commissione dei Titoli di Nobiltà”.


Continua sul quinto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved  
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi