Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Stemma Famiglia Quaranta

Pagina realizzata dal dott. Gianpaolo Quaranta di Fusara
( http://www.youtube.com/user/shadow75sa )
( http://www.facebook.com/JeanPaulFusara  )
"Affinché la gloria di quelli che fecero grande il lustro di casa Quaranta non si perda sempre più col passare di questi tristi tempi, vuolsi qui brevemente illustrare la storia di questa nobile famiglia per la quale il pregio delle lettere superò il valore delle armi."

I Rami di  Casa Quaranta- 1^ Parte


I CAVALIERI
di FOSSALOPARA

QUARANTA SEVERINO

QUARANTA della MONICA

QUARANTA LONGO

QUARANTA STENDARDO di RICIGLIANO

QUARANTA di GENOVA

QUARANTA GUARDATI

QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA-MASCAMBRUNO

QUARANTA  dell'ANNO

QUARANTA di FUSARA

QUARANTA de CANDIDA

QUARANTA-LEONE

QUARANTA d'ALESSIO

QUARANTA-BARONE

QUARANTA - de LAURO

QUARANTA BARRA

QUARANTA PASTORE

QUARANTA-BRACALE

QUARANTA
BRACALE de QUARANTA
VILLARI

QUARANTA MULINARI
olim MOLINARI

QUARANTA BRUNO de LAURO

QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI

QUARANTA ROSAPANE

QUARANTA de PUGNETTI

QUARANTA
SANNIOLA

QUARANTA SCHIAVONE

QUARANTA CRISCUOLO

QUARANTA SAPERE

QUARANTA  FOGLIA

QUARANTA-RAGOSTA della PORTA

QUARANTA-PISANI

QUARANTA de RISI

QUARANTA SINISCALCHI

QUARANTA di BARIGAZZO

QUARANTA de ROSSI

QUARANTA del BUE

QUARANTA GALA'

QUARANTA de ROSSI d'AROMANDO di SANT'ARSENIO

 QUARANTA d'ARIENZO


 

*****************

                                                                     I CAVALIERI di FOSSALOPARA

Cavaliere delli Quaranta, 1° Signore di Fossalopara nel 1016(1).
Figlio del primo Signore di Fossalopara, fu:
OSMONDO Quaranta
2°Signore di Fossalopara.
Del 2°Signore di Fossalopara non conosciamo che il nome, sicuramente egli trascorse la sua esistenza tra la Corte Normanna e il suo castello di Fossalopara, purtroppo non ci è dato di sapere neanche il nome della donna, probabilmente sua sposa, dalla quale ebbe:
RAINULFO Quaranta
3°Signore di Fossalopara.
Anche di Rainulfo non si nulla, se non che fu padre di:
GRAZIO I Quaranta
4°Signore di Fossalopara.
Grazio, primo di tal nome ebbe a figliuolo:
ROLLONE Quaranta
5°Signore di Fossalopara.
Figlio di Rollone fu:
BONIFACIO I Quaranta
6°Signore di Fossalopara.
Bonifacio ebbe due figli:
il primogenito fu:
NICOLA I Quaranta
7°Signore di Fossalopara.
NICOLA I, quondam Bonifacio I, 7°Signore di Fossalopara, germano di Anselmo I, ebbe due figli:
1) SERGIO Quaranta
8°Signore di Fossalopara.
Sergio, si trasferì nella città di Napoli e qui fondò la chiesa di Sant'Agrippino.
Lo troviamo anche iscritto nel registo del Re di Napoli Carlo I d'Angiò, insieme ad altri nobili della piazza di Forcella nel 1270.
2) ANGELO I Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Germano di Sergio, si trasferì in Napoli col fratello.
Fu credenziere del sale della città di Napoli e divenne talmente ricco da prestare ingenti somme di denaro al Re Carlo I d'Angiò.
ANGELO I di Fossalopara ebbe a figliuolo:
SQUARCIA Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Squarcia è ricordato nella cronaca di Benvenuto da San Giorgio come Capitano alla difesa di una terra nel Monferrato ai tempi di Re Roberto d'Angiò.
SERGIO 8°Signore di Fossalopara ebbe quattro figli:
1) BENVENUTO Quaranta
9°Signore di Fossalopara.
Egli fu Collettore della città di Napoli nel 1266.
2) GRAZIO II Quaranta
10°Signore di Fossalopara
alla morte del fratello Benvenuto.
Prestò denaro al Re Carlo I d'Angiò insieme allo zio Angelo I dei Signori di Fossalopara.
Sotto Re Roberto d'Angiò ebbe con altri cinque nobili il reggimento della città di Napoli, con una scrittura che dice:
SEX PROBI VIRI CIVITATIS NEAPOLIS HABENTES
SPECIALEM CURAM CONSILII CIVITATIS PRAEDICTAE
3) ANGELO II Quaranta
11°Signore di Fossalopara alla morte del fratello Grazio II
4) BONAGUIDA Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Fu creditore di Re Carlo I d'Angiò.
ANGELO II
11°Signore di Fossalopara,
ebbe tre figli:
1) PIANO Quaranta
12°Signore di Fossalopara.
Appartenne al seggio di Forcella in Napoli.
Nel 1336 si ritrova fra i valletti reali.
2) LIGORIO I Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Appartenente al seggio di Forcella. Nel 1336 si ritrova fra i valletti reali.
Fu padre di:

a) BENVENUTO Quaranta, Giudice nel 1334 in Napoli. 
b) BENUTELLO Quaranta, Giudice nel 1335 in Napoli. 
c) NICOLA II Quaranta, strenuo difensore di Re Roberto fu ferito dai nemici alla mano destra e per questo ebbe 20 once d'oro dal sovrano.
Nicola II fu padre di:
Ligorio II Quaranta che fu valletto Reale nel 1346,
da Ligorio II si ebbero:
Nicolò e Giovannello e Francesco Quaranta
tutti regi procuratori.
3) BIASE Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Appartenne al seggio di Forcella e fu fra i valletti reali nel 1336.  Divenne Ostiario e familiare della Duchessa di Calabria moglie di Carlo figlio di Roberto d'Angiò. Si sposò con Gristella Severino.
ROBERTO I Quaranta di Fossalopara, quondam Nicola II, ebbe come figlio:
ANTONELLO Quaranta il quale fu padre di:
a) ANSELMO II Quaranta.
b) BENNUCCIO Quaranta.
c) BERNARDO I Quaranta.
Anselmo II fu familiare e continuo commensale del Re Ferdinando di Sicilia.
Bennuccio Quaranta originario di Antessano giudice nel 1449, sposò Ippolita Guardati di Torricella (vedi Quaranta-Guardati).
Bernardo I Quaranta, fu dottore in legge e milite di gran valore, nel 1460 Re Ferdinando il vecchio lo armò Cavaliere.
Mostrò la sua fedeltà al Re combattendo contro i Baroni ribelli e salvando dalle mani di quegli stessi Baroni il figliuolo del Re Federico d'Aragona.  Nel 1460 Bernardo I Quaranta insieme con PietroCola Longo, Tommaso Gagliardo e Petrillo della Monica, andò ambasciatore al Re in nome della città di Cava, per tali servigi Bernardo I ebbe speciali privilegi ed esenzioni dalle tasse oltre ad essere nominato Uditore nella provincia di Bari.  La città di Cava ebbe per merito di Bernardo I Quaranta un diploma in bianco per mezzo del quale avrebbe potuto chiedere al Re qualsiasi cosa perché tutto gli sarebbe stato concesso.
Cava dé Tirreni intitolò a Bernardo I Quaranta anche una strada che ancor oggi porta il suo nome.
BERNARDO I fu padre di:
ALESSANDRO l Quaranta, il quale ebbe a figliuolo:
GIOVAN BERNARDO Quaranta, che sposò nel 1533 Geronima Cavaselice-Ruggi d'Aragona, dei marchesi di Santo Mango, figlia della marchesa Francesca Ruggi d'Aragona.
ANDREA I Quaranta
15° Signore di Fossalopara,
germano di Roberto I Quaranta e Giacomo Quaranta, quondam Nicola II, fu padre di:
MATTEO I Quaranta
16°Signore di Fossalopara.
Il quale insieme ai cugini: Antonello Quaranta quondam Roberto e Giannotto Quaranta quondam Giacomo, per ricordare la discendenza comune da Stefano I quondam Piano e per mantenere saldo il legame fra tutti quelli della stessa famiglia fonda nel 1415 una cappella di Juspatronato in San Nicola di Dupino nel casale di Santi Quaranta, in onore di Santa Caterina, riservando per se stesso e i discendenti di casa Quaranta il diritto di nomina del cappellano.
Lo scopo principale di questi tre cugini fu quello di volersi distinguere e separare da quelli dello stesso cognome, infatti fondarono e dotarono la cappella di Santa Caterina in San Nicola affinché si celebrassero messe e si pregasse per le anime dei propri antenati; la scrittura dice: in qua eodem cappella Ioannellus, Antonellus et Matteus disposti sunt dare quodlibet anno, in perpetuum, pro dicendis missis ibidem, et rando pro animabus suorum patruum; nec non communis corum avi et ave parernae quondam Nicolai filii Stefani Quaranta nobilis viri civitatis Neapolis et quondam Catherine de Longo civitatis Cavae
(2).
Nella stesura di questo contratto furono chiamati a testimoni: Tommaso, Martuccio, Stazio, Errico e Carluccio tutti cognomati Quaranta, ma che assolutamente non appartenevano alla nobile famiglia Quaranta.

Matteo Quaranta fu padre di:
ANDRIELLO Quaranta
17°Signore di Fossalopara.
Andriello Quaranta sposò Maria dei baroni Stendardo.

                                                                                  TORNA ALL'INDICE

 

                                                                            QUARANTA SEVERINO
Dall' unione di BIASE Quaranta e Gristella Severino nacquero :
a) ANTONIO Quaranta-Severino.
b) LUCIANO Quaranta-Severino.
c) FLAMMINIO Quaranta-Severino.
d) GIOVANNI (detto Iambo) Quaranta-Severino.
e) GESUALDA Quaranta-Severino.

Di Antonio, Luciano e Flamminio si trova scrittura di convenzione fatta con Punzillu Isalla nel 1376 per alcune case(3).
Giovanni detto Iambo esercitò sotto Re Ladislao l'eminente ufficio di Maestro Razionale
(4) e si trova citato in una remunerazione fatta da Carlo III d'Angiò di 12 once d'oro annue per servigi resi alla Corona.
Figlio di Giovanni detto Iambo fu Aniello Quaranta il quale intervenne con altri nobili del Seggio di Forcella nella visita fatta da Nicolò Arcivescovo di Napoli della chiesa di Santa Maria a Piazza nel tenimento di Forcella; dal verbale della visita si legge:" Presenti detti nobili Homini et Venerabili de' Platea Forizilla.  In primis magnifico D.Porcello de Sicula, nobile Nardo Chianuta, nobile Athanasio Cotugno D.Petro Paolo de Sicula, nobile Anello Quaranta, nobile Ioanne de Hercules, nobile Ioannello Corvitello et D.Anello de Alexandro".

                                                                                  TORNA ALL'INDICE

 

                                                    QUARANTA della MONICA
PIANO Quaranta 12° Signore di Fossalopara, quondam Angelo II sposa Letizia della Monica dalla quale ha per figlio:
STEFANO I Quaranta-della Monica
13° Signore di Fossalopara.
Fu iscritto al seggio nobiliare di Porto.
Sposò Caterina Longo di Vinchiaturo
(della stessa famiglia di GiovanGentile Longo che fu il condottiero a capo della rivolta dei Cavesi contro il monastero benedettino della SS.Trinità, mise a sacco e a fuoco la vetusta badia ed uccise moltissimi monaci).
                                                                              TORNA ALL'INDICE

 

                                                                         QUARANTA LONGO
Dall'unione di Stefano I Quaranta con Caterina Longo nacque:
NICOLA III Quaranta-Longo
14°Signore di Fossalopara. Trovasi menzionato nel registro di Re Roberto nel 1319, partecipò alla così detta congiura dei Griffi (molte altre nobili famiglie del Seggio di Porto parteciparono alla congiura contro il giudice Ligoro Griffo, fra queste: Alopa, Castagnola, Ferrilla e Gennara) e onde sfuggire alla persecuzione che seguì i partecipanti a tale congiura si rifuggiò nel suo castello di Fossalopara in quel di Cava de' Tirreni.
Nicola III ebbe tre figli:
1) ANDREA I Quaranta, 15°Signore di Fossalopara.
2) ROBERTO I Quaranta, nobile dei Signori di Fossalopara.
3) GIACOMO I Quaranta, nobile dei Signori di Fossalopara. Di professione regio Notaro.
Figlio di Giacomo I fu:
GIANNOTTO Quaranta
da cui nacque:
GIAN MATTEO Quaranta,
che fu padre di:
LEONARDO e BERARDINO Quaranta.
Leonardo e Berardino con gli illustrissimi et magnifici Signori don Alfonso e don Ferrante d'Aragona, don Antonio de Guevara figurano come testimoni nell'istrumento redatto dal notaro Donato di Raone nella terra d'Evoli, in cui il 2 Giugno 1436 l'Eletto de' Nobili cede un asta del Pallio all'Eletto della piazza del popolo nella festa del Corpus Domini in Napoli.
                                                                                  TORNA ALL'INDICE

 

                                                                       QUARANTA STENDARDO di RICIGLIANO
Andriello Quaranta e Maria dei baroni Stendardo ebbero cinque figli:
1) GIOVAN FILIPPO Quaranta-Stendardo
18°Signore di Fossalopara.
2) GIACOMO II Quaranta-Stendardo
nato nobile dei Signori di Fossalopara.
19°Signore di Fossalopara alla morte di Giovan Filippo.
3) FERDINANDO I Quaranta-Stendardo
detto"il Grande"nato nobile dei Signori di Fossalopara.
20°Signore di Fossalopara alla morte di Giacomo II.
4) MARCO Quaranta-Stendardo
nobile dei Signori di Fossalopara.
Canonico Salernitano.
5) SIMONE Quaranta-Stendardo
nobile dei Signori di Fossalopara.
FERDINANDO I
Quaranta-Stendardo di Ricigliano
20°Signore di Fossalopara,
detto "il Grande", fu uno dei più insigni ambasciatori dei Re Ferdinando I e Alfonso d'Aragona.  Fu uomo coltissimo e abilissimo negli affari, divenne caro al Re Ferdinando I e al primogenito di lui Alfonso d'Aragona come testimoniano le 29 lettere che i Re gli indirizzarono per affari della Corona.  Divenne Ministro Regio e fu mandato ad Otranto ed a Bari per importanti affari di Stato.
Nel 1481 la Regia Camera della Summaria pagò Ferdinando Quaranta per i servigi resi; partecipò alla guerra d'Otranto con sei propri Cavalieri e sconfisse più volte i Turchi; andò ambasciatore, presso il Pontefice Innocenzo VIII e presso il Duca di Milano nonché in Turchia ed in Morea nel 1494.
Viene nominato anche in alcune Bolle di Sisto IV.
Ebbe il titolo di Commissario della Corona e fu al seguito del magnifico Principe don Virginio Orsini Capitano delle armi reali.  Per i suoi meriti fu insignito dell'ordine dell'Armellino ed ebbe la Mastrodattia di Cava de' Tirreni e Foggia, quella di Cava gli fu riconosciuta anche dal Cardinale d'Aragona, figlio del Re, cosi che Ferdinando Quaranta ebbe a godere gli emolumenti dell'ecclesiastico e del temporale in quel di Cava.
La Mastrodattia di Foggia gli fu riconosciuta con diploma anche dal conte di Foggia magnifico don Guglielmo di Villanova.

Grazie a questo personaggio il nome dei Quaranta riempì le cronache dell'epoca e rifulse di nuovo splendore non solo nel regno di Napoli ma in tutta Europa e nel mondo mussulmano.
Ferdinando ebbe il merito di riportare in luce il nome della sua famiglia e di farlo grande, come già nel 1016 aveva fatto il suo avo: Cavaliere delli Quaranta 1°Signore di Fossalopara, ed è per questo che egli si può considerare il primo "grande" dei Quaranta nell'età moderna.  Non di meno i suoi figli manterranno alto il nome del casato continuando quel processo di ascesa sociale, intrapreso dai loro antenati, che porterà la famiglia Quaranta ad essere considerata una delle più nobili case del già Regno di Napoli ed ad imparentarsi con famiglie di dignità principesca come i Pignatelli di Cerchiara e quelli di Montecalvo, od i Principi Grimaldi Sovrani di Monaco e Montecarlo.

Ebbe quattro figli:
1) LANDOLFO I Quaranta (vedi ritratto)
nobile dei Signori di Fossalopara
1°Signore di CasaQuaranta
1°Barone di Fusara.
2) PLACIDO I Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Regio Assessore e Capitano in Montesarchio 1522.
3) BENEDETTO Quaranta
21°Signore di Fossalopara.
Viene nominato cavaliere aurato nel 1541 ritorna in Napoli ed acquista una casa nel vico sopra pozzo bianco nel Seggio di Montagna, oggi quel vico si chiama vico delli Quaranta.
Egli ebbe due figli :
FEDERIGO I Quaranta
22°Signore di Fossalopara
e
MARINO I Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Quest'ultimo si impegnò fin da fanciullo nello studio delle leggi, divenne un giureconsulto famoso, accoppiando alla sua eminente dottrina una vita intemerata. (vedi Quaranta-Gagliardo-de Rosa-Mascabruna).
4) GIOVAN TOMMASO I Quaranta
nobile dei Signori di Fossalopara.
Cavaliere aurato dal 1541.
Fu familiare della regina Giovanna d'Aragona la quale nel 1515 gli concesse le Mastrodattie di Cava e Foggia appartenute al padre Ferdinando I Quaranta.
Per privilegio dell'imperatore Carlo V d'Asburgo rilasciato a Milano nel 1541 viene concesso a Giovan Tommaso e al fratello di lui Benedetto il diritto di aggiungere l'aquila bicipite imperiale spiegata di nero al proprio stemma.
Giovan Tommaso fu padre di:
GIULIO I Quaranta
dottore in legge e giudice in Stilo nel 1566.
Giulio I fu padre di:
GIOVAN TOMMASO II Quaranta
che ebbe sei figli:
a) SALVIO Quaranta
che fu padre di Giuditta I Quaranta.
b) ANGELO III Quaranta.
c) PLACIDO II Quaranta.
d) GIULIO II Quaranta,
fu Abate degli Olivetani in Cava de' Tirreni.
e) MATTEO II Quaranta, fu architetto molto apprezzato.  Proggettò e costruì insieme ad altri architetti famosi, il palazzo del duca Ferdinando Orsini di Gravina in Napoli attuale sede della facoltà di architettura dell'Università del capoluogo campano. 
f) CARMINE I Quaranta.
Questi sei figli di Giovan Tommaso II morirono tutti senza lasciare discendenza maschile.
                                                                             TORNA ALL'INDICE

 

                                                                                         QUARANTA di GENOVA
Il secondogenito di Bonifacio I fu:
ANSELMO I Quaranta
1°Signore di Laigueglia e Garlenda nel Genovesato.
Anselmo che è il capostipite del ramo genovese dei Quaranta, fu investito delle terre di Laigueglia e Garlenda dall'Imperatore Federico Barbarossa con diploma del 12 Luglio 1162.
Anselmo quondam Bonifacio, compare fra i testimoni di una pergamena del monastero di Santo Stefano, in Genova datata 1196.
La Famiglia dei Conti della Laingueglia, una delle più importanti e nobili famiglie di Genova, altro non è che la Famiglia Quaranta infatti Anselmo I QUARANTA, essendo divenuto signore di Laigueglia, ne assunse il cognome.
I conti della Laingueglia ebbero vari feudi tra cui Garlenda Laiqueglia e Tarantasca (Una tradizione popolare, che fu adottata dall'autore dei Secoli di Cuneo, pretende che Tarantasca sia l'antico borgo o città di Quaranta, il cui nome in progresso di tempo siasi corrotto in Taranta, e finalmente in Tarantasca; ma nell'articolo Caraglio vol. III, pag. 473, si dimostrò quale fosse il sito di Quadraginta, di cui più non esiste alcun vestigio. Vari monumenti romani che furono rinvenuti a Passatore poco distante dal luogo dell'antica Quaranta, appartengono certamente a quest'ultimo borgo. Monsignor Agostino della Chiesa crede che s. Belegno o san Benigno fosse la parrocchia dell'antico luogo di Quaranta, che chiamasi Quadraginta in una carta dell'anno 1028, e Quaranta in un diploma di Arrigo I. Un posteriore diploma di Federico I del 1162 a pro di un Anselmo de Quadraginta, dimostra che il nome di questo vetustissimo borgo conservasi ancora nella seconda metà del secolo XII in un diploma del 6 giugno 1226, in cui Federico II confermò le concessioni fatte a Bonifacio de Languellia figliuolo del suddetto Anselmo de Quadraginta.

Figlio di Anselmo fu:
BONIFACIO II Quaranta
2°Signore di Laigueglia e Garlenda.
                                                                               TORNA ALL'INDICE

 

                                                                             I QUARANTA-GUARDATI
La famiglia Guardati era originaria di Sorrento ove possedeva il feudo di Torricella, ai primi del XV secolo si trasferì a Salerno e venne iscritta al seggio di Campo.
A questa famiglia appartenne uno dei più celebri novellieri del suo tempo, Masuccio Salernitano.
Il padre di Masuccio si chiamava Loise e giunto a Salerno sposò probabilmente nel 1410 la figlia del nobile Tommaso Mariconda, Margheritella Mariconda, (Protocollo Notarile Iuliani-Barbarisi) dalla quale ebbe tre figli: Masuccio (Tommaso), Francesco e Ippolita; quest'ultima sposò nel 1449 il nobile salernitano giudice Bernuccio Quaranta originario di Antessano, dando così origine al ramo dei Quaranta-Guardati.
Bernuccio ebbe da Ippolita tre figli:
m.co Barnaba Quaranta-Guardati
che fu dottore in Legge,
m.co Colantonio Quaranta-Guardati
che fu assessore in Lucera,
m.co PirroLuigi Quaranta-Guardati
ambasciatore e governatore della città di Vico.
Colantonio di chiaro ingegno spesso si trova annoverato fra i nobili salernitani soprattutto nel libro dei Decreti Civici del 1521
(5).
Colantonio fu tanto caro al Principe Antonello Sanseverino da essere addirittura nominato nel testamento che quest'ultimo redasse a Sinigaglia;
sposò in prime nozze:
Giovanna della Queva-Oriolo, appartenente ad una nobilissima famiglia spagnola, (la sorella di Giovanna aveva sposato il marchese Carlo Grillo del seggio di Campo di Salerno) da cui ebbe:
m.co Antonio Quaranta-Guardati-della Queva-Oriolo
abate e canonico della Cattedrale di Salerno
e
m.ca Felicita Quaranta-Guardati-della Queva-Oriolo monaca;
in seconde nozze:
Chiarella della Porta, la quale apparteneva alla stessa famiglia di Eufranone della Porta Vice Re di Sicilia.
La sorella di Chiarella, Regale della Porta fu moglie di D.Giacomo Sanseverino Conte di Tricarico.
Da Colantonio e Chiarella naquero:
m.co GiovanVincenzo Quaranta-Guardati-della Porta
e
m.co GiovanRoberto Quaranta-Guardati-della Porta.
Barnaba (figlio di Bernuccio) germano di Colantonio, divenuto dottore in legge fu Giudice e Luogotenente Generale di San Pietro Cerviglione, fu padre del
m.coNicolò Quaranta-Guardati
che divenne assessore in Lucera
Barnaba Quaranta-Guardati può considerarsi il capostipite del ramo Lucerino di casa Quaranta, ramo che si estinse nel 1738 con Saveria Quaranta la quale sposò don Ottavio de Candida patrizio Lucerino.
PirroLuigi (figlio di Bernuccio), germano di Colantonio e Barnaba, fu anch'egli uomo di gran valore e divenne assai caro al Cardinale Arcivescovo di Salerno Giovanni d'Aragona figlio del Re Ferdinando, fu infatti suo continuo commensale
(6).
Purtroppo oggi di questo illustre ramo di casa Quaranta non si hanno più notizie infatti tutti i testi e giornali Araldico-geneologici da noi consultati si fermano a GiovanVincenzo e GiovanRoberto Quaranta-Guardati-della Porta senza indicare la loro discendenza.
GiovanVincenzo Quaranta-Guardati-della Porta
(Di Colantonio e Chiarella della Porta)
fu dotto giurista e autore di varie forensi allegazioni.
Fu lettore dei Canoni nello Studio di Leggi ed ebbe insigni professori, tra cui San Tommaso d'Aquino nel 1592.
Ebbe sviscerato attaccamento alla terra natia, che difese apertamente contro usurpazioni e vessazioni.
Tale attaccamento l'indusse a sottoscrivere insieme con Marco Antonio Ruggi e Pompeo de Ruggiero il riscatto di Salerno, per sessantamila ducati con atto del 9 aprile 1590 col vice Re don Giovanni conte di Miranda.  La città era stata venduta per sessantaseimila ducati al Principe don Nicola Grimaldi duca di Eboli protetto dalla Corte spagnola.  Questo atto nobilissimo segnò l'inizio della rinascita di Salerno che da quel momento ampliò le sue mura ad oriente ed ad occidente, aggiungendo i rioni di Portanova e dell'Annunziata.
A memoria di tal fatto Salerno volle dedicare a GiovanVincenzo Quaranta una strada che ancor oggi esiste.
Estinto è invece il ramo dei Quaranta-Guardati-della Queva-Oriolo essendo stato Antonio canonico e Felicita monaca.
                                                                                       TORNA ALL'INDICE

 

                                                          I QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA-MASCAMBRUNO
Questo ramo nobile e notabile dei Quaranta ha inizio con Marino I Quaranta quondam Benedetto, il quale divenuto famoso Giureconsulto, sposò la magnifica Prudenza Gagliardo dei Signori di Sant'Angelo e Andretta.
Dalla loro unione nacquero due figli :
i magnifici:
1) Reverendo don STEFANO II Quaranta-Gagliardo,
il quale fu canonico e giudice sinodale.
Divenuto Consultore della Curia Arcivescovile di Napoli compose molte opere di grande valore tra le quali:
a) De concilio provinciali et auctoritate Archiepiscopi in suffragantes eorumque subdictos et tota provincia tractatus.  Edito in Napoli nel 1580.
b) Summa Bullarii earumve Summorum pontificum costitutionem.
Edito in Napoli nel 1613.
Quest'ultima opera è conservata presso l'Archivio Diocesano di Salerno.  Stefano II nella Summa Bullarii loda anche l'arte giuridico-oratoria del padre scrivendo:
ubi excellens Marinus Quaranta, meus pater jure consultus, et advocatus nemini secundus vita et doctrina, conspicuus, in eius dictis per Berlulum mulla addidit.
2) CLAUDIO I Quaranta-Gagliardo,
il quale fu dottore in legge.
Egli sposò la magnifica donna Caterina de Rosa da cui ebbe:
1a) GENNARO I Quaranta-Gagliardo-de Rosa.
Gennaro fu canonico della cattedrale di Napoli, e divenne vicario generale delle monache di quella città.
Fu un uomo di buone lettere e sperimentata morale, la storia lo ricorda con onorevolissime parole, perché nei tempi tumultuosi di Masaniello seppe custodire il decoro delle monache affidate alla sua tutela, fu anche benemerito del magnifico don Giovanni d'Austria per servigi resi alla corona.
2b) STEFANO III Quaranta, Arcivescovo di Amalfi (vedi ritratto) (vedi storia)
3b) ANIELLO QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA il quale sposò donna Antonia MASCABRUNA; dal matrimonio nacque:
3b1) GIOVAN BATTISTA QUARANTA che nel 1684 fu elevato alla dignità di  Vescovo di Larino (vedi ritratto); rese l'anima a Dio il 2 settembre del 1685 e fu sepolto nella chiesa di S.Maria in Silvis di Serracapriola.


4b) l'Abate don DOMENICO QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA
5b) l'Abate don TOMMASO QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA
6b) l'Abate don Giovanni Battista QUARANTA-GAGLIARDO de ROSA
7b) l'Abate don Stefano Maria Chierico regolare e TEATINO.
Gennaro, Stefano, Aniello, Domenico, Tommaso, Giovanni Battista, Stefano Maria tutti questi Quaranta il giorno 23 agosto 1656 con atto notarile del procuratore D.Francesco Ruggi patrizio di Salerno furono reintegrati nel seggio di campo di SALERNO e successivamente ascritti al seggio di Montagna a Napoli come registra il PASAGO nelle memorie storiche della Famiglia MASCABRUNA.


                                                                              TORNA ALL'INDICE

 

                                                                         QUARANTA - dell'ANNO
FEDERIGO I Quaranta , quondam Benedetto, sposò Caterina dell'Anno dalla quale ebbe otto figli:
VITTORIA Quaranta-dell'Anno,
deceduta nel casale di Santi Quaranta.
Nell'atto di morte si dice che questa donna per la sua buona vita emanava odore dalla sepoltura. 
CARMELO Quaranta-dell'Anno, fu Padre Maestro in Sacra Teologia, divenne confratello della Nobile Congrega della Croce di Sant'Agostino alla Zecca di Napoli ove fu sepolto nel 1759.
Lasciò tutti i suoi beni al Monte della Misericordia di Napoli col pio intendimento di dotare i figliuoli di casa Quaranta che venivano a nozze e con l'ordine di celebrare messe quotidiane in suffragio dei suoi antanati. 
LUCIANO II Quaranta-dell'Anno, fondò nel 1610 in Napoli il Monte della Misericordia e di Pietà, che aveva come scopo principale quello di dotare i fanciulli e le fanciulle nubendi di casa Quaranta. 
BEATRICE Quaranta-dell'Anno, muore nubile lasciando tutti i suoi averi al Monte di Pietà di Luciano Quaranta.
AGOSTINO I Quaranta-dell'Anno,
23°Signore di Fossalopara
nato in Santi Quaranta il 21 aprile 1585.
Divenne molto caro al Re Filippo IV di Spagna il quale lo mandò come ambasciatore in Sicilia per sbrigare importanti affari della Corona. 
GIUDITTA II Quaranta-dell'Anno. 
LANDOLFO II Quaranta-dell'Anno, sposò la magnifica donna Giulia Granito dei Principi di Belmonte e marchesi di Rocca, (senza discendenza).
NICOLA III Quaranta-dell'Anno,
coniugato con donna Luisa de Rosa.

 

                                                                            QUARANTA di FUSARA
                                                                  (Ramo Salernitano della Famiglia Quaranta)
Titoli Ufficiali:
dei Signori di Fossalopara (mf)
Nobile  col predicato dei Baroni di Fusara e San Salvatore (mf), Nobile dei Conti (mf), trattamento del Don e Donna, Patrizi Salernitani (mf), Patrizi di Sanseverino (mf),
Magnifico
donno
LANDOLFO I QUARANTA (vedi ritratto)
nobile dei Signori di Fossalopara
1°Signore di CasaQuaranta
1°Barone di Fusara
(quondam Ferdinandus) viene creato BARONE terrae FUSARIAE in Principato Citra, con castello, terre, vassalli, armigeri e diritto di giurisdizione, dall'Imperatore Carlo V d'Asburgo.
In detto diploma è chiamato nobile, e ciò per le innumerevoli prove di coraggio sostenute dallo stesso nelle guerre in Piemonte contro Francesco I nel 1530.
Landolfo si trasferì in Pastorano nella foria di Salerno dove si fece costruire un grande castello per abitarvi con la sua famiglia, presto intorno al suo maniero sorsero altre case e così il luogo venne detto Casa delli Quaranta (CasaQuaranta).
La chiesa Parrocchiale della famiglia Quaranta di Fusara di Pastorano fu S.Elia in Pastorano
(7).
Suoi figli furono:
1) il Magnifico
donno
GIOVAN CAMILLO I QUARANTA (vedi ritratto)
nobile dei Signori di Fossalopara
battezzato in S.Elia. 2°Signore di CasaQuaranta. 2°Barone di Fusara
2) il Magnifico
donno
NATALE I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
battezzato in S.Elia di Pastorano.
3) il Magnifico
donno
TOMMASO I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
battezzato in S.Elia.
Il Magnifico
donno
GIOVAN CAMILLO I QUARANTA (vedi ritratto)
nobile dei Signori di Fossalopara
2°Signore di CasaQuaranta.
2°Barone di Fusara

procreò:
1) il Magnifico
Reverendo
donno
NICOLA I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Reverendo Parroco di Sant'Elia in Pastorano.
Il Reverendo don Nicola, fonda insieme coi fratelli notar Giovan Luca Quaranta barone di Fusara, Giovanni Antonio Quaranta e Diego Quaranta capodieci di Fusara, una Cappella di Jus Patronato con diritto di sepoltura, dedicata al Santissimo Rosario, nella chiesa della Santissima Annunziata di Acquamela, con atto redatto dal notaio Giacomo Antonio de Simone
(8), nella stessa Cappella viene sepolto, tra gli altri, anche D.Lorenzo Quaranta marito di donna Magdalena Barone(9).  Nel 1652 il Convento di S.Francesco di Paola gode di un legato di ben 100 ducati annui fatto da don Nicola Quaranta, al Convento di San Lorenzo don Nicola lascia invece ducati 50 annui(10).
Alla stessa Cappella donna Caterina Quaranta figlia di Lorenzo e Magdalena Barone, lascia un legato di 30 ducati.
Sull'altare della cappella gentilizia della famiglia Quaranta fu posto nella seconda metà del Settecento, un quadro raffigurante San Pietro Martire dipinto da Paolo Quaranta su ordinazione dei fratelli Pasquale, Domenico e Diego Quaranta
(11).
2) il Magnifico
Notaro
donno
GIOVAN LUCA QUARANTA (vedi ritratto) (vedi investitura baronale di Fusara)
nobile dei Signori di Fossalopara. 3°Signore di CasaQuaranta.

3°Barone di Fusara, alla morte del padre Giovan Camillo. Nobile del Seggio di Campo fu investito del titolo baronale con atto notarile del notaro Giacomo Antonio de Simone redatto il 31 agosto 1639. 
Di professione Regio notaro.
L'atto di investitura baronale succitato è realmente esistente e conservato presso l'Archivio di Stato Salernitano, tuttavia nei protocolli notarili del 1636/1637 del notaio salernitano de Arminio
(prot.not.4982), risulta altro atto di investitura baronale del notaio Quaranta, da cui fonte si legge, come riportato da Donato Cosimato in "Salerno nel Seicento", che: "nel 1636 la Real Corte vende ed intitola al notaro Giovan Luca Quaranta, il casale di Fusara dell'Università e Stato Generale di San Severino agli estremi meridionali del suo territorio nella valle dell'Irno.
Detto feudo viene ceduto con tutti i diritti di giurisdizione, gli introiti ed il mero e misto imperio, la potestà del gladio e delle quattro lettere arbitrarie sulla nomina dei giudizi e degli ufficiali locali. Il giorno 22 settembre nella chiesa di S.Antonio del casale suddetto Il magnifico Giovan Luca Quaranta prese possesso del feudo pronunciando il rituale ligio omaggio al sovrano di Spagna Sua Maestà Cattolica Filippo IV, impegnandosi a combattere contro tutti i suoi nemici, dopo che il notaio Decio Conforto di San Severino ebbe consegnato al neo Barone di Fusara la lettera del regio commendatario generale del ligio assenso in nome del Viceré conte di Monterey
(12)".  Coniugato con la magnifica Geronima Leone di CasaLeone di Cappelle-Pastorano di Salerno. Residente in loco ubi dicitur Casa delli Quaranta di Pastorano della foria di Salerno. Nel 1652 il monastero di Santa Maria delle Grazie censua al barone Quaranta un territorio a Fratte della foria di Salerno(13).
3) il Magnifico
avvocato dei poveri
donno
GIOVANNI ANTONIO I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
avvocato dei poveri;
risulta fra i benefattori di S.Elia di Pastorano con un'offerta annua di 22 ducati. Coniugato con Lucrezia d'Alessio.
4) il Magnifico
Avvocato dei poveri
donno
COSTANTINO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara. 5°Signore di CasaQuaranta.
5°Barone di Fusara, alla morte del nipote Giovan Camillo II avvocato dei poveri.
Ha per figli:
A) il Magnifico
donno
DIEGO II QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara , Signori di Fossalopara
6°Signore di CasaQuaranta
6°Barone di Fusara (alla morte del padre Costantino).

B) la Magnifica donna MARZIA (di Costantino)QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
C) la Magnifica donna CATERINA II QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
D) la Magnifica donna FIORELLA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
E) la Magnifica donna LUCREZIA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
F) la Magnifica donna GIULIA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

5) il Magnifico
Avvocato dei poveri
Capodieci di Fusara
donno
DIEGO I QUARANTA nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, avvocato dei poveri.
Ebbe per figli:
A) il Magnifico Avvocato dei poveri Donno
GIOVANSANTO I QUARANTA, nobile dei Signori di Fossalopara
7°Signore di CasaQuaranta
7°Barone di Fusara (per l'e 9° Barone di Fusara vedi Quaranta-Pastore)
B) il Magnifico
donno NATALE II QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
diede alle stampe un libro intitolato: "Compendio dell'antichissima e nobilissima famiglia de'Rossi duchi delle Serre".
C) il Magnifico donno DOMENICO I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
D) il Magnifico donno ANGELO I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
6) il Magnifico
donno
SIGISMONDO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

7) il Magnifico
donno
FRANCESCO I ANTONIO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
eletto della città di Salerno nel 1605 e 1606; Nel 1606 scrive a Marco Palescandolo
.
Sposa la magnifica donna Costantina de Candida.
8) la Magnifica
donna
CATERINA I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
9) la Magnifica
donna
ISABELLA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

10) la Magnifica
donna
GIUSTINA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
11) la Magnifica
donna
OLIMPIA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
12) la Magnifica
donna
ANGELA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

13) il Magnifico
donno
TOMMASO II QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
14) la Magnifica
donna
VIOLANTE QUARANTA nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
coniugata con Bartolomeo de Roma di CasaRoma di Pastorano.

                                                                            TORNA ALL'INDICE

 

                                                                   QUARANTA de CANDIDA
Dall'unione di Francesco I con donna Costantina de Candida nascono:
A) il Magnifico
Abate
ORAZIO QUARANTA de CANDIDA
nobile dei Baroni di Fusara, Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
Fu gesuita Consultore dell'Indice dottissimo ed insigne predicatore e storico di grido. Nel 1629 diede alle stampe: l'ERMARKE QUALIS SAPIENTE SUB DUCIS MILITIA ORATIO, nel 1639 gli Eletti di Napoli chiamando Orazio storico Napoletano lo pregano di scrivere la storia di Napoli. 
Nel 1675 compose la relazione per la Solenne Processione del Santissimo Rosario fatta a Roma e fu benemerito di Margherita d'Austria. 

Fu plenipotenziario a Madrid per la città di Salerno a perorare la causa demaniale presso Sua Maestà Cattolicissima Filippo IV di Spagna(14).
B) il Magnifico
dottore fiscale
donno
ANNIBALE QUARANTA de CANDIDA
nobile dei Baroni di Fusara, Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
Nel 1639 il signor Annibale Quaranta prende in fitto dall'Università di MonteCorvino la difesa Nuova Serrata per ducati 1610 annui
(15).
Nel 1648 il dottore fiscale Annibale Quaranta dona all'Ospedale dell'Annunziata e S.Giovanni di Dio un vasellame d'Argento
(16).
Nel 1650 Annibale riceve l'incarico dall'Udienza Generale di procurare legno per 700 remi nelle montagne di Acerno e Campagna e pei suoi 54 giorni di missione incassa 162 ducati.
Il 19 aprile 1644 il magnifico Annibale va ambasciatore al duca di Medina per la Cattolicissima Maestà.

C) Il Reverendo
donno
GIOVAN DOMENICO QUARANTA de CANDIDA
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
.
                                                                            TORNA ALL'INDICE

 

                                                                        QUARANTA-LEONE
Il Magnifico Notaro GIOVAN LUCA QUARANTA, 3°Barone di Fusara, alla morte del padre Giovan Camillo I, sposa donna  Geronima Leone e ha per figli:
1) il Magnifico
avvocato dei poveri
donno
GIOVAN CAMILLO II QUARANTA-LEONE, nobile dei Signori di Fossalopara, 4°Signore di CasaQuaranta, 4°Barone di Fusara.
Nato in CasaQuaranta di Pastorano della foria di Salerno nel 1595, battezzato in S.Elia
(17).
Non coniugato.
Giovan Camillo II Quaranta-Leone nel 1645 insieme coi nobili di seggio: Giovan Cola de Vicariis, Andrea Sciabica, Paolo Capograsso, Matteo de Granito, Giovan Francesco de Lembo, Tommaso Manganario, Pietro Castellomata, Francesco Matteo Naccarella conte palatino, Decio di SantoMango, Giovan Francesco del Giudice e Marcello Prignano, col nobile non di seggio Antonio Bottiglieri della Scavata, ed i ricchi borghesi Bartolomeo Cositore e Gian Francesco de Avossa, si costituirono Carratari del Partito del Vino, per tre anni con un capitale versato pro capite di 50 ducati.  Si impegnano ad esercitare gratuitamente tutti gli uffici necessari per il tempo della vendemmia e a nominare fra loro due guardie  alle quali si corrisponderanno 40 ducati.
Promettono poi di donare a S.Matteo una lampada d'argento di 100 ducati se ci sarà guadagno in capo ai tre anni e di devolvere 50 ducati alla Cappella di S.Antonio dei Nobili per "l'intempiatura seu lamia"
(18).
Il signor barone Giovan Camillo nel 1652 vende la masseria "Palmentata e Casa Palmento" al magnifico signore dottore fiscale Annibale Quaranta, testimoni furono Antonio Pastore di Coperchia, dottori Matteo Galiano, Tommaso Gattola e Michele Rocco, don Tommaso Pastorano di Salerno e Sabato de Donato di San Severino
(19).
2) il Magnifico
Donno CESARE ANTONIO QUARANTA-LEONE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
(notaio?)
Questo Cesare risulta fra i nati in S.Elia di Pastorano nel 1595, insieme a Giovan Camillo II, forse era gemello allo stesso Giovan Camillo II; probabilmente morì subito dal momento che non lo si ritroverà mai nello stato delle anime di Pastorano, tuttavia la sua morte nemmanco risulta dai libri dei morti, comunque il suo nome non lo si è ritrovato più in alcun documento da noi consultato; soltanto nella prima metà del 1700 e precisamente tra il 1707 ed il 1724, si trova a Sicigliano degli Alburni un notaio di nome Cesare Antonio Quaranta, il quale sicuramente non può essere il Cesare Antonio fratello di Giovan Camillo II dal momento che vi è un'eccessiva distanza temporale fra i due omonimi, non si può comunque del tutto escludere che il Cesare Antonio di Sicigliano sia un disceso del Cesare Antonio di Pastorano, probabilmente, se si accetta questa ipotesi
(20), Cesare di Pastorano sarebbe potuto essere il nonno del Cesare di Sicigliano.
3) la Magnifica
donna
ANTONIA QUARANTA-LEONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
4) il Magnifico
donno
CARMINE I QUARANTA-LEONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Obiit.
5) il Magnifico
donno
ANDREA QUARANTA-LEONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Obiit.
6) il Magnifico
Reverendo
donno
LUCA QUARANTA-LEONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Reverendo Parroco.

                                                                               TORNA ALL'INDICE

 

                                                                         QUARANTA d'ALESSIO
Il  Magnifico Avvocato dei poveri donno GIOVANNI ANTONIO I QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, sposa Lucrezia d'Alessio dall'unione nasce:
la Magnifica
donna
PALMA QUARANTA-d'ALESSIO, nobile dei Baroni di Fusara, Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Don AGOSTINO I Quaranta-dell'Anno ,quondam Federigo I,  23°Signore di Fossalopara, contrasse matrimonio il 18 novembre 1614 con la nobile Vittoria d'Alessio, ed ebbe da questa sei figli:

1) GIOVANNI I Quaranta-d'Alessio, coniugato con Maria Scannapieco.
2) CARLO I Quaranta-d'Alessio.
3) DOMENICO II Quaranta-d'Alessio
    24°Signore di Fossalopara.
4) GENNARO II Quaranta-d'Alessio.
5) ALESSANDRO II Quaranta-d'Alessio, coniugato con Anna Longo.
6) TERESA I Quaranta-d'Alessio.

                                                                                  TORNA ALL'INDICE

 

                                                                            QUARANTA-BARONE
Il Magnifico donno DIEGO II QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara, Signori di Fossalopara, 6°Signore di CasaQuaranta, 6°Barone di Fusara (alla morte del padre Costantino), coniugato con la Signora Belladonna Barone di CasaBarone.
Loro figli furono:
a) la Magnifica
IPPOLITA QUARANTA-BARONE
b) la Magnifica
URSULA I QUARANTA-BARONE
c) la Magnifica
MARINA I QUARANTA-BARONE.

Il Magnifico Avvocato dei poveri donno LORENZO I QUARANTA de PASTORE, nobile dei Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, 9°Signore di CasaQuaranta
9°Barone di Fusara,
sposa nel 1657 Magdalena BARONE(21), ed ebbero:
1) il Magnifico
Avvocato dei poveri
donno
GIOVANSANTO II QUARANTA-BARONE, nobile dei Signori di Fossalopara
10°Signore di CasaQuaranta
10°Barone di Fusara, dal 16 agosto 1686 al 24 ottobre 1706, nobile del Seggio di Campo, nato in Casignano di Capriglia il 24 luglio 1657, deceduto all'età di 48 anni nella sua casa sita nel luogo chiamato il Nocelleto il 24 ottobre 1706, il suo corpo fu tumulato nella Cappella del Monte dei Morti di Antessano; (non coniugato).
Il 15 ottobre 1706 GiovanSanto acquista dal magnifico notaio D.Salvatore Bracale fratello di Carmina Bracale moglie di suo fratello Domenico Antonio Quaranta, un pezzo di terra arbustato, seminataio e arborifruttifero, per la somma di 196 ducati, con atto redatto dal notaio Galieno Bracale anno 1706 pagina 122 retro/123 e seg.
2) la Magnifica donna VITTORIA QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

3) la Magnifica donna CATERINA III QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nata in Casignano di Capriglia nel 1661. Coniugata con Francesco de Roma di Pastorano della foria di Salerno.  Deceduta in CasaRoma di Pastorano il 24 agosto 1692 all'età di trentuno anni circa
(22), lascia un cospicuo legato di 30 ducati risultanti la terza parte della sua dote nuziale, alla Cappella del Santissimo Rosario della famiglia Quaranta, affinché si celebrino messe in memoria dell'anima sua.  Alla morte di Caterina non essendo stati pagati questi ducati alla Cappella del Santissimo Rosario il Parroco D. Pietro del Galdo citò in giudizio il Reverendo D.Diego Quaranta, unico erede ed amministratore dei beni di CasaQuaranta dopo la morte dei fratelli GiovanSanto e Domenico, e tutore del patrimonio in nome dei figli di Domenico e Carmina Bracale, affinchè la Curia Arcivescovile ordinasse al Reverendo D. Diego di pagare il legato della sorella.
In questo documento si nota come D. Diego fosse proprietario, fra gli altri immobili, di una massaria detta "la Palmentata" nel casale di Pastorano data in enfiteusi per 400 ducati fino alla terza generazione.

4) il Magnifico
Avvocato dei poveri
Reverendo
donno
DIEGO III QUARANTA-BARONE (vedi ritratto)
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Reverendo Parroco e avvocato dei poveri, nato in Casignano di Capriglia, deceduto nella sua casa nel luogo detto il Nocelleto il 18 gennaio 1728 all'età di cinquanta anni circa, il suo corpo fu sepolto nel cimitero della Confraternita di Santa Maria delle Grazie di Capriglia
(23). Diego appare come testimone in un capitolo matrimoniale del 1689, tra Caterina Quaranta di Capriglia, sua sorella e Francesco de Roma di Pastorano il quale ultimo era già vedovo di D.Anna Farina di Saragnano (i Farina di Saragnano sono una delle più nobili, potenti e ricche famiglie di Salerno, da non confondere con la famiglia Farina di Baronissi appartenente non già all'aristosrazia Salernitana, ma bensì alla ricca borghesia della città), deceduta nel luogo detto Casa de Roma (CasaRoma) di Pastorano all'età di 31 anni e sepolta nella Parrocchia di Santa Maria della Neve e San Giovanni di Pastorano. In questo capitolo matrimoniale il chierico Diego Quaranta risulta avere 22 Anni).
5) il Magnifico
donno
DOMENICO III ANTONIO QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Nato in Casignano di Capriglia il 28 settembre 1659.
Obiit.

6) il Magnifico Avvocato dei poveri donno
DOMENICO IV ANTONIO QUARANTA-BARONE
nobile dei Signori di Fossalopara
11°Signore di CasaQuaranta
11°Barone di Fusara (per 12° Barone di Fusara vedi Quaranta-Bracale)
dal 24 ottobre 1706 al 22 marzo 1711
Nato in Casignano di Capriglia il 23 gennaio 1664.
7) il Magnifico donno FRANCESCO II QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
nato nel 1675.
Coniugato con Caterina de Granata la quale rimasta vedova usufruisce di una donazione in vita durante, di vitto e vestimenta da parte di Domenico Antonio Quaranta fratello di suo marito Francesco.
8) la Magnifica donna GIOVANNA QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in nel 1677.
9) la Magnifica donna MARINA II QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
10) il Magnifico donno CARMINE III QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
11) la Magnifica donna ANNA MARIA I QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
sposa il doctor fisicus don Benedetto de Trojse
(24).
12) il Magnifico donno ANTONIO II QUARANTA-BARONE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

                                                                             TORNA ALL'INDICE

 

                                                                     QUARANTA - de LAURO
La Magnifica donna MARZIA(di Costantino)QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, sposa il 21 agosto 1604
(25) il magnifico notaro don Domenico Antonio de Lauro dei Conti di Caserta Signori di Lauro, testimoni di nozze furono: Giovan Battista Quaranta e Giuseppe Quaranta.
Muore l'8 giugno 1630 e nello stesso giorno è aperto il suo testamento
(26).
D.Marzia riposa nella chiesa Parrocchiale di S.Felice di Montoro, nella Cappella con diritto di sepoltura della famiglia Lauro (dopo il terremoto del 1980 la chiesa di San Felice è stata completamente rifatta, per cui delle antiche cose non vi è nulla più).
Coluccio Lauro ebbe due figli: Andrea e Laurito il primo fu Reverendo Parroco in Montoro il secondo sposò D.Marzia Ansalone dalla quale ebbe a figliuoli: il notaro Domenico Antonio Lauro, Fabrizio e Gian Matteo Lauro.

Domenico Antonio sposò donna Marzia Quaranta ed ebbe tre figlie:
Beatrice, Francesca e Caterina;
Francesca Lauro-Quaranta, sposò il magnifico Francesco Antonio del Grotto dando così inizio al casato dei Lauro-Grotto.
Fabrizio sposò in prime nozze D.Camilla del Pozzo ed in seconde nozze D.Antonia Ferrara.
Fabrizio ed Antonia ebbero due figli: Domenico ed Isabella.  Domenico fu padre di D.Grazia Lauro la quale sposò D.Angelo Bruno, dall'unione di Angelo e Grazia nacquero il magnifico notaio D.Giacomo Bruno de Lauro e D.Fortunata Bruno de Lauro moglie di D.Diego Quaranta detto "il Grande".

                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                                       QUARANTA - BARRA
Natale II (di Diego I) Sposò donna Livia de Barra da cui ebbe:
QUARANTA-BARRA
a) la Magnifica
VINCENZA QUARANTA-BARRA
b) il Magnifico
CARMINE II QUARANTA-BARRA
c) il Magnifico
ANTONIO I QUARANTA-BARRA
d) il Magnifico
FABRIZIO QUARANTA-BARRA
e) il Magnifico
CARLO QUARANTA-BARRA
furono, molto probabilmente, suoi figli quell'Antonio e quel Santolo Quaranta che risultano nella compravendita di terreno con il magnifico don Nicola II Quaranta-Bracale
(27).
f) il Magnifico
BARTOLOMEO QUARANTA-BARRA

                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                                      QUARANTA-PASTORE
Il Magnifico Avvocato dei poveri donno GIOVANSANTO I QUARANTA, nobile dei Signori di Fossalopara, 7°Signore di CasaQuaranta, 7°Barone di Fusara
Nato nel 1597(?) in CasaQuaranta di Pastorano della foria di Salerno
(28).
Sposa Maria de Pastore di Capriglia (Casale di Pellezzano) della foria di Salerno ed ed ha per figli:
                                                                   Salerno - Provincia
                                                                      
Stemma famiglia Pastore di Capriglia
                                                               
© Foto proprietà Gianpaolo Quaranta di Fusara

1) la Magnifica donna LIVIA QUARANTA de PASTORE, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta , nata in Capriglia nel 1628.
2) il Magnifico
Avvocato dei poveri
donno
DOMENICO II ANTONIO QUARANTA de PASTORE
nobile dei Signori di Fossalopara
8°Signore di CasaQuaranta
8°Barone di Fusara
non coniugato.
Nato in Capriglia nel 1630.
3) il Magnifico
Avvocato dei poveri
donno
LORENZO I QUARANTA de PASTORE
nobile dei Signori di Fossalopara
9°Signore di CasaQuaranta
9°Barone di Fusara, alla morte del fratello Domenico II Antonio (per 10° Barone di Fusara vedi Quaranta-Barone), nato a Capriglia l'11 marzo 1631 e deceduto in Casignano di Capriglia il 16 agosto 1686 il suo corpo fu sepolto nella chiesa della Santissima Annunziata di Acquamela di Baronissi nella Cappella del Santissimo Rosario della famiglia Quaranta.
4) il Magnifico donno
ANGELO II QUARANTA de PASTORE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato a Capriglia nel 1633.
Sposa il 9 maggio 1657 Marzia Pastore (testimoni di nozze furono il fratello di Angelo, Lorenzo, Marco Longho di Cava de' Tirreni, e don Felice de Notariis).
Figlio di Angelo e Marzia fu il:
Magnifico
donno
ONOFRIO QUARANTA de PASTORE de PASTORE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta nobile del Seggio di Campo
nato in Antessano il 24 giugno 1678.

                                                                            TORNA ALL'INDICE

 

                                                                        QUARANTA-BRACALE
Il Magnifico Avvocato dei poveri donno DOMENICO IV ANTONIO QUARANTA-BARONE, nobile dei Signori di Fossalopara, 11°Signore di CasaQuaranta, 11°Barone di Fusara dal 24 Ottobre 1706 al 22 Marzo 1711.
Nato il 23 gennaio 1664 in Casigliano di Capriglia, quondam Lorenzo et Magdalena Barone, deceduto il 22 marzo 1711 a quaranta anni nella sua casa nel luogo detto il Nocelleto, fu sepolto nel Monte dei Morti di Antessano.
Sposa il 23 giugno 1699 la magnifica Carmina BRACALE
(29);
suoi figli furono:

1) la Magnifica donna ANNA MARIA II QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano il 13 marzo 1700.
2) il Magnifico Reverendo donno
LORENZO II ANTONIO QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato in Antessano il 22 ottobre 1701.
Reverendo Parroco e Rettore in Montoro.
3) il Magnifico
Avvocato dei poveri
donno
NICOLA II QUARANTA-BRACALE (Per 1^ moglie - per 2^ moglie)
nobile dei Signori di Fossalopara
12°Signore di CasaQuaranta
12°Barone di Fusara ( per 13° Barone di Fusara vedi Quatanta-Mulinari )
dal 22 marzo 1711 al 29 agosto 1775

4) il Magnifico
donno
MICHELE ANGELO NICOLA ANTONIO QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato in Antessano il 9 gennaio 1704.
5) la Magnifica donna MARINA III QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano nel 1705.
6) la Magnifica donna CATERINA IV QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano nel 1706.

7) il Magnifico
donno
GIOVANNI ANTONIO II QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato in Antessano l'11 ottobre 1707.
8) il Magnifico donno ANTONIO III QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, nato in Antessano nel 1709.
9) il Magnifico donno BENEDETTO QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato in Antessano il 3 agosto 1711 (Antessano Reg.Parr.pag.228 retro).
10) il Magnifico
donno
GIOVANSANTO III ANTONIO QUARANTA-BRACALE
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
nato in Antessano l'11 settembre 1712
deceduto in Antessano il 27 agosto 1715.

                                                                                    TORNA ALL'INDICE

 

                                                        QUARANTA-BRACALE de QUARANTA-VILLARI
Il Magnifico Avvocato dei poveri donno NICOLA II QUARANTA-BRACALE, nobile dei Signori di Fossalopara, 12°Signore di CasaQuaranta, 12°Barone di Fusara, dal 22 marzo 1711 al 29 agosto 1775.

Nato nel 1702 e deceduto all'età di 73 anni nel Casale di Antessano il 29 agosto del 1775, il suo corpo fu tumulato nella congrega della SS.Trinità di Baronissi(30).
Detto Don Nicola II acquista nel 1763, un pezzo di terra sito vicino alla proprietà di don Giovanni Quaranta(31) nel luogo detto CasaQuaranta, da Antonio e Santolo Quaranta figli ed eredi di Carlo Quaranta(32)
Don Nicola sposa in prime nozze il 2/6/1730 la sua consanguinea Caterina QUARANTA-VILLARI, per graziosa dispensa di Clemente XII
(33), nata ad Antessano nel 1700 da Matteo Quaranta e Agnese Villari. (Matteo Quaranta era figlio di Agostino Quaranta e Anna de Napoli, altri figli di Agostino ed Anna, erano: 1) Marco Quaranta de Napoli. Reverendo Parroco. 2) Giuseppe Quaranta de Napoli. 3) Giovanni Quaranta de Napoli.
4) Cecilia Quaranta de Napoli. 5) Marina Quaranta de Napoli. 6) Geronima Quaranta de Napoli. 7) Angelo Quaranta de Napoli. Altri figli di Matteo e Agnese Villari furono:
1) Agostino Antonio Quaranta-Villari. 2) Giovanna Quaranta-Villari. 3) Domenico Andrea Quaranta-Villari. 4) Nicola Quaranta-Villari
).

Dall'unione di Nicola e Caterina si ebbero:
1) la Magnifica
donna
URSULA II QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta nata in Antessano l'11 novembre 1733.
2) la Magnifica
donna
MAGDALENA I QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata in Antessano nel 1733. Obiit.
3) la Magnifica
donna
MAGDALENA II QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata in Antessano nel 1734.

4) il Magnifico
Reverendo
donno
PASQUALE DIEGO ANTONIO DOMENICO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato ad Antessano il 3 settembre 1737. Reverendo Parroco.

Il rev.d.Pasquale Quaranta acquistò il palazzo Tagliaferri al borgo Scacciaventi di Cava de' Tirreni; questo palazzo era adiacente a quello che nel 1780 comprò don Onofrio Quaranta di San Severino e i due palzzi Quaranta erano collegati da una minuscola ma caratteristica terrazza.  Il rev.Quaranta fornì a proprie spese la maggior parte delle pietre per la ristrutturazione del campanile di S.Francesco d'Assisi di Cava de' Tirreni, la queste pietre provenivano dalla cava di Campiglione già proprietà di casa Quaranta dal 1500.
5) il Magnifico
Reverendo
donno
DOMENICO V ANTONIO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nato in Antessano nel 1738.
Reverendo Parroco di Piano e Preturo di Montoro.
6) la Magnifica
donna
ROSA PAOLA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata in Antessano il 25 gennaio 1740.
Sposa nel 1771 don Domenico dei baroni Santamaria(34).
7) la Magnifica
donna
TERESA I MARIA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata in Antessano nel 1746.

                                                                             TORNA ALL'INDICE

 

                                                         QUARANTA MULINARI olim MOLINARI
il Magnifico Avvocato dei Poveri donno NICOLA II QUARANTA-BRACALE
12°Barone di Fusara, dal 22 marzo 1711 al 29 agosto 1775, quondam Domenico IV Antonio, resta vedovo nel 1748 e nel 1749 si sposa in seconde nozze con donna Margarita MULINARI (o Molinari) (deceduta il 1/3/1791 all'età di 70 anni in Antessano il suo corpo fu tumulato nella chiesa Parrocchiale di Sant'Andrea di Antessano) da cui ebbe:
1) la Magnifica
donna
LUCIA QUARANTA-MULINARI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano nel 1751.
2) il Magnifico
donno
CARMINE IV QUARANTA-MULINARI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato ad Antessano nel 1753. Obiit.
3) la Magnifica
donna
CATERINA V FRANCESCA SAVERIA QUARANTA-MULINARI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.

Nata ad Antessano il 24 ottobre 1754. Obiit.
4) la Magnifica
donna
SAVERIA QUARANTA-MULINARI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano nel 1755. Sposa nel 1772 il magnifico don Antonio Bracale.
5) il Magnifico
Ufficiale Giudiziario
donno
DIEGO IV GIOVANNI ANTONIO BENEDETTO SAVERIO GIUSEPPE QUARANTA-MULINARI (vedi ritratto)
detto "il Grande"
nobile dei Signori di Fossalopara
13°Signore di CasaQuaranta
13°Barone di Fusara, dal 29 agosto 1775 al 16 maggio 1839
Ufficiale Giudiziario.
6) la Magnifica
donna
CATERINA VI FORTUNATA QUARANTA-MULINARI nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nata in Antessano nel 1760 (libro dei battesimi pag.68).
7) la Magnifica
donna
ANGELICA MARIA QUARANTA-MULINARI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata in Antessano nel 1762.

                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                              QUARANTA BRUNO de LAURO
Il Magnifico Ufficiale Giudiziario donno DIEGO IV GIOVANNI ANTONIO BENEDETTO SAVERIO GIUSEPPE QUARANTA-MULINARI
detto "il Grande"
13°Barone di Fusara, dal 29 agosto 1775 al 16 maggio 1839
Nato nel Casale di Antessano il 10 settembre del 1756.  Di professione Regio Usciere (Ufficiale Giudiziario) deceduto il 16 maggio 1839 alle ore 11 nella propria casa alla contrada Li Volpi di Solofra all'età di 84 anni
(35), (già vedovo di donna Fortunata Bruno)
Sposa la magnifica signora donna Fortunata Nicoletta Donata BRUNO, nata nel casale di Petruro a Montoro il 24 gennaio 1756(36)  dai magnifici don Angelo Bruno, di professione proprietario e donna Grazia Lauro, di condizione gentildonna figlia di don Domenico de Lauro figlio di don Fabrizio de Lauro e donna Antonia Ferrara (vedi documenti).
FIGLI di Don Diego e Donna Fortunata Bruno de Lauro (vedi atti nascita figli):
1) il Magnifico
donno
NICOLA III ANDREA QUARANTA-BRUNO de LAURO
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
Nato ad Antessano il 26 marzo 1787. Obiit.
2) il Magnifico
Ufficiale Giudiziario
donno

LORENZO III FRANCESCO PAOLO QUARANTA-BRUNO de LAURO
nobile dei Baroni di Fusara
Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Nato ad Antessano il 27 marzo 1789, di professione Usciere del Giudice di Pace, figlio maggiore di don Diego Quaranta, di anni 32, di professione proprietario, e di donna Fortunata Bruno, di anni 31, di professione gentildonna, sposa in San Michele di Solofra all'età di 25 anni nel 1817, donna Generosa Giliberti, dei baroni di Celenza e Carlantino, di condizione gentildonna.
Muore nel 1819 senza lasciare figli; la moglie donna Generosa Giliberti si risposerà nel 1822 con il magnifico don Felice Antonio Liotti
(37).
3) il Magnifico
donno
NICOLA IV ANDREA QUARANTA-BRUNO de LAURO
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Nato ad Antessano il 27 gennaio 1792.Obiit
4) la Magnifica
donna
MARGARITA QUARANTA-BRUNO de LAURO (vedi ritratto)
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata ad Antessano il 22 ottobre 1794.
5) il Magnifico
Ufficiale Giudiziario
donno
GIOVANNI ANTONIO III RAFFAELE FRANCESCO QUARANTA-BRUNO de LAURO

nobile dei Signori di Fossalopara
14°Signore di CasaQuaranta
14°Barone di Fusara, dal 16 maggio 1839
Nato nel Casale di Antessano nello Stato di San Severino nell'anno del Signore 1796 il 16 ottobre, dichiarato il 17/10/1796 a don Ignazio Villari, Parroco di S.Andrea di Antessano (la cui levatrice fu Agnese Bianco).

                                                                                    TORNA ALL'INDICE

 

                                                            QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
I
l Magnifico Ufficiale Giudiziario donno GIOVANNI ANTONIO III RAFFAELE FRANCESCO QUARANTA-BRUNO de LAURO
14°Barone di Fusara, dal 16 maggio 1839.  Nato nel Casale di Antessano nello Stato di San Severino nell'anno del Signore 1796 il 16 ottobre, dichiarato il 17/10/1796 a don Ignazio Villari, Parroco di S.Andrea di Antessano, la cui levatrice fu Agnese Bianco, di professione Regio Usciere
(38), domiciliato in Solofra alla contrada "Li Volpi"; sposa nella chiesa di San Giuliano a Solofra all'età di 27 anni, il 1°giugno 1823-atto n.19/1823 del Comune di Solofra, donna Lucia GILIBERTI dei baroni di Celenza e Carlantino, di 24 anni, nata nel 1799 a Solofra ed ivi deceduta nel 1837(39), figlia del fu Regio notaro don Giustiniano Giliberti, di professione Regio notaro coniugato con donna Maria Pepe (della stessa famiglia del celebre condottiero Guglielmo); testimoni del matrimonio furono: il Regio notaro don Saverio Giliberti, fratello di don Giustiniano Giliberti e padre del teologo Antonio Giliberti, il possidente don Gabriele Ferrara, il proprietario don Raffaele Giliberti, e il possidente don Serafino de' baroni Giannattasio.
FIGLI di Giovanni Antonio III e Lucia Giliberti:
1) la Magnifica
donna
CLEMENTINA QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI (vedi ritratto)
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata a Solofra l'8 maggio 1824-atto di nascita 39/1824 deceduta a 75 anni l'08 settembre 1901
(40). Dall'atto di morte risulta che Clementina Quaranta di condizione gentildonna era già vedova di don Domenico Pepe. Donna Clementina sposa il 14 luglio 1859(41)  don Domenico Pepe, di anni 75 di condizione proprietario, figlio di don Pasquale Pepe e donna Agnese de'conti Garzilli, già vedovo di donna Maddalena Colella.
Il matrimonio avvenne per procura da parte della sposa e il procuratore della sposa donna Clementina Quaranta di anni 35, fu don Gaetano Giliberti.
Dall'atto di matrimonio risulta che lo sposo, don Domenico Pepe, non ha presentato l'atto di morte del padre dichiarando di ignorare il luogo e la data del decesso del suo avo, risulta inoltre avere avuto con donna Clementina Quaranta un figlio illegittimo di nome Giovanni, riconosciuto dagli sposi, quale loro figlio naturale e pertanto legittimato secondo legge.

2) il Magnifico
donno
LORENZO IV MICHELE FORTUNATO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Nato a Solofra il 02 maggio 1825 e deceduto il 15 luglio 1825 (atto di nascita n.79/1825 del Comune di Solofra).
3) il Magnifico
Regio Assessore
donno
URIELE I CARMINE DOMENICO ANTONIO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Signori di Fossalopara
15° Signore di CasaQuaranta
15°Barone di Fusara, dalla morte del padre Giovanni Antonio III, fino al 18 dicembre 1870.
Nato a Solofra il 12 luglio 1826 e deceduto il 18 dicembre 1870 all'età di 44 anni (atto di nascita n.105/1826 del Comune di Solofra).
Di professione Regio Assessore, sposa il 27 gennaio 1868, all'età di 41 anni, sua cugina donna Immacolata Autilia Giustiniana Giliberti, figlia di don Michele Arcangelo, di professione Regio Usciere (Ufficiale Giudiziario), e di donna Carmela Giliberti di condizione gentildonna (don Michele Arcangelo Giliberti, padre di Immacolata, era fratello di donna Lucia Giliberti, moglie di don Giovanni Antonio Quaranta e madre di don Uriele, Michele ed Immacolata Giliberti erano figli del notaio don Giustiniano Giliberti); la sposa reca in dote 500 ducati di cui 300 datele da una zia e 200 da suo padre don Michele.
Le nozze si ebbero dopo un lungo processo volto ad ottenere la dispensa della Santa Romana Chiesa dall'impossibilità di contrarre matrimonio fra Uriele ed Immacolata, per il fatto di essere cugini perché figli di fratello e sorella, intervennero quali testimoni nel processo: D.Gabriele Giliberti (figlio di Saverio Giliberti), il Teologo Curato D.Antonio Giliberti, il Primicerio D.Giuseppe Fasano, il Reverendo D.Antonio Rubino, il Reverendo D.Alberto Grassi, il Parroco D.Geremia Scarano; dagli atti si apprende, che D.Immacolata Giliberti e D.Uriele Quaranta avevano generato sospetto e mirazione in tutto il vicinato, per aver trattato sin da piccoli con "eccessiva familiarità", e che per questo motivo, ed anche perché D.Immacolata già contava 36 anni, la gentildonna difficilmente avrebbe trovato un altro uomo di pari condizione disposto a sposarla al di fuori dello stesso cugino.
Lo sposo era domiciliato dal 1852 in Atripalda come dimostra il certificato all'uopo rilasciato dal Vescovo di Avellino Francesco Gallo conte di Quintodecimo (vedi documenti).
La dispensa con la benedizione del Pontefice Pio IX fu concessa il 14 dicembre del 1867
(42). Agli sposi fu intimata la penitenza di recitare ogni giorno congiuntamente la terza parte del Santissimo Rosario, di confessarsi almeno una volta a settimana ed in fine di assistere a due messe nei giorni festivi, il tutto per un periodo di due mesi.
FIGLI:

A) il Magnifico Segretario Comunale GIUDICE CONCILIATORE Cancelliere Capo di Pretura
donno
GIOVANNI I SABINO VINCENZO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Signori di Fossalopara (vedi ritratto)
16°Signore di CasaQuaranta
16°Barone di Fusara, dal 18 dicembre 1870 al 1921.
Nato ad Atripalda (AV) il 15/02/1869, da don Uriele di anni 41 (di Giovanni), di professione scribente (Segretario) e da donna Immacolata Giliberti, figlia di don Michele, di anni 32 e di condizione gentildonna.  Dichiarato ad Avellino dalla nutrice Iandoli Sabella.  Frequenta il Regio Liceo Classico e ottiene con ottimi risultati la Maturità Classica.
B) il Magnifico Cavaliere Ufficiale Governatore Ispettore Forestale
donno
RAFFAELE QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Solofra il 17 marzo 1870.
Frequenta il Regio Liceo Classico ed ottiene, al pari del fratello, la Maturità Classica.
Senza condizione, di professione proprietario, figlio di don Uriele Quaranta di professione Usciere Giudiziario, (Ufficiale Giudiziario); celibe. Deceduto il 17 aprile 1915 all'età di 45 anni
(43). Governatore della Casa Santa della Santissima Annunziata e dell'Ospedale "San Giovanni di Dio" insieme con il cav. Andrea de Leo.  Socio della Reale Società Economica, corrispondente della rivista il Picentino, autore di opere di arboricultura e xilologia, oltre che della "Guida di Salerno" edita dalla tipografia Volpe di Salerno nel 1894, di questa ultima opera si fa lodevole menzione nel saggio di Bibliografia Araldico-Nobiliare del marchese Vittorio Spreti e di Giustiniano degli Azzi Vitelleschi a pagina 139.
Fu Cavaliere Ufficiale della Corona d'Italia.
4) la Magnifica
donna
FORTUNATA QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Baroni di Fusara , Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata a Solofra il 07 maggio 1828
(44).
5) il Magnifico
donno
DOMENICO VI ANTONIO LORENZO GREGORIO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI  nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nato a Solofra il 06 gennaio 1830
(45).
6) la Magnifica
donna
ROSINA FRANCESCA PAOLA QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Baroni di Fusara , Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata a Solofra l'11 febbraio 1832 (atto di nascita n.20/1832 del Comune di Solofra).

7) la Magnifica
donna
LORENZINA FRANCESCA PAOLA QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Baroni di Fusara , Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata a Solofra il 03 febbraio 1834 (atto di nascita n.16/1834 del Comune di Solofra).
8) il Magnifico
donno
FRANCESCO PAOLO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI

nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Nato a Solofra il 28 luglio 1836 atto di nascita n.114/1836 del Comune di Solofra (testimoni di nascita furono il possidente don Gabriele Ferrara ed il possidente don Raffaele Giliberti). Deceduto nel 1837
(46).
                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                                      QUARANTA-ROSAPANE
                                                                                  (vedi ritratto)
Don GIOVANNI I SABINO VINCENZO QUARANTA-BRUNO de LAURO-GILIBERTI
nobile dei Signori di Fossalopara, 16°Signore di CasaQuaranta
16°Barone di Fusara dal 18 Dicembre 1870 al 1921

Sposa nella chiesa di S.Maria di Costantinopoli di Avellino, il 29 luglio 1897 donna Elisa Rosapane-Guariniello-Fiordelisi (vedi ritratto) di condizione nobildonna, nata ad Avellino il 03 novembre 1871 (testimoni di nozze furono don Camillo Consoli, di professione scribente di anni 43, don Giuseppe Pellecchia, di professione possidente di anni 46), vissuta a Salerno, presso il figlio Ettore in via Michele Vernieri n.26 fino al 1945, nel 1945 emigrò a Pellezzano e morì a Salerno il 16 febbraio1951.  Era figlia di Achille Rosapane di professione Ispettore Forestale nato ad Avellino il 03/11/1840 ed ivi deceduto il 20 aprile 1936, il cui padre era Angelo Rosapane nato (da Achille Rosapane) nel 1802, e la madre Nunzia Ionni, e della gentildonna Carmela Guariniello-Fiordelisi nata il 29/07/1838, figlia di Nicola Guariniello e Filomena Fiordelisi, deceduta ad Avellino il 04/04/1923.
Il magnifico donno Giovanni Sabino Vincenzo Quaranta-Bruno de Lauro-Giliberti fu uno dei primi Segretari Comunali di Pontecagnano non appena questo divenne Comune nel 1911. Dal 1929 al 1935 fu Segretario Comunale il marchese Gioacchino Genovese.
Quando era a Pontecagnano Giovanni risiedeva nella villa dei Moscati.  Ossessionato dalla desiderio di fare una brillante carriera politica delapidò il patrimonio di famiglia e non riuscendo tuttavia, nel suo intento, anche a causa dell'ostilità di potenti famiglie del luogo tra i quali gli stessi Moscati, dopo aver perso le elezioni si recò in America per un periodo di riposo, probabilmente anche e soprattutto per ragioni politiche, in casa del fratello di sua moglie, Modestino Rosapane (detto il Gobbo) il quale era divenuto un famoso gioielliere di Boston ed aveva accumulato un'immensa fortuna che però alla sua morte, finì nelle mani della sua cameriera personale con la quale aveva avuto un figlio, pur non avendola sposata.  Ritornato in Italia il magnifico don Giovanni Quaranta-Giliberti morì nel 1921 per una violenta polmonite, e fu sepolto a spese del Comune di Pontecagnano nel cimitero di S.Antonio di Pontecagnano (già feudo di casa Quaranta), in un loculo del Comune che gli spettava di diritto per la carica comunale ricoperta, con il privilegio.

Dall'unione del 16° Barone di Fusara Giovanni I Sabino Vincenzo Quaranta-Bruno de Lauro-Giliberti con la nobildonna Elisa Rosapane-Guariniello-Fiordelisi si ebbero:
1) il Magnifico Ragioniere
donno
GIUSEPPE I ACHILLE MARIA QUARANTA-ROSAPANE
nobile dei Signori di Fossalopara, 17°Signore di CasaQuaranta
17°Barone di Fusara, dal 1921 al 1971.
Nato ad Avellino nel palazzo dei Rosapane in via Costantinopoli n.150, dichiarato a Solofra dalla nutrice il 18 maggio 1899 (atto di nascita Anagrafe Comune di Solofra anno 1899-3-p.2).
Sposa, rimasto vedovo (per prima moglie), in seconde nozze Grazia Pacilli, il 10 agosto 1946 nella Parrocchia Metropolitana di Napoli (atto n.711 del 1946-Comune di Solofra). Da donna Grazia, Giuseppe non ebbe figli.
Deceduto in Napoli nel 1971 due giorni dopo un'operazione alla prostata.
2) il Magnifico
Ragioniere Consigliere Comunale donno URIELE II ANTONIO FORTUNATO QUARANTA-ROSAPANE detto "il Bello", nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nato a Solofra il 06 maggio 1900, dichiarato dal padre Giovanni Quaranta, di professione impiegato di anni 31 e dalla madre Elisa Rosapane, di condizione gentildonna di anni 27 domiciliati in Solofra in via Forna (Comune di Solofra atto 81 del 1900).
Deceduto il 25 aprile 1943 in Salerno a causa di un attacco di appendicite.

3) il Magnifico
Ragioniere
donno ACHILLE I MARIA QUARANTA-ROSAPANE (vedi fotografia) , nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Solofra il 29 maggio 1904, Maresciallo Pontieri dell'Esercito Italiano.
Sposa nella Parrocchia di San Sisto in Piacenza nel dicembre 1936 Luisa Foglia (nata il 9/4/1911 a Bettola in provincia di Piacenza da Raffaele Foglia nato a Catanzaro Marina di professione Maestro di Musica, suonava il bassotuba ed altri strumenti musicali, suonò anche sotto la direzione di Arturo Toscanini, ed Adele Nuggi-Prati figlia di Napoleone Nuggi garibaldino e Marina Prati).
Testimone di nozze fu il Maresciallo dei Carabinieri signor Citro.
Achille fu arruolato a 16 anni nella Regia Marina Militare ed inviato a Taranto poi fu imbarcato come mozzo (dicesi mozzo il giovane marinaio che non ha ancora compiuto 18 anni di età e 24 mesi di navigazione) sulla corazzata "Napoli".
Il padre Giovanni I Quaranta riuscì a far congedare il figlio grazie alle sue importanti conoscenze e probabilmente anche grazie all'esborso di danaro.  Così Achille si recò a Piacenza all'età di 24 anni e nel 1928 era nel Genio Pontieri e faceva esercitazioni, lungo il fiume Po, per l'assemblaggio di ponti militari formati da grossi barconi.
Fece la guerra in Albania, ove combattè valorosamente contro i ribelli Albanesi, venne di poi fatto prigioniero dai tedeschi, ma fortunatamente riuscì a fuggire durante l'esplosione di una polveriera; dopo aver vagato per mesi interminabili fra le montagne Albanesi tra mille difficoltà riuscì a tornare in Italia.

Deceduto nel 1994.
4) la Magnifica
donna
IMMACOLATA CARMELA GERARDA QUARANTA-ROSAPANE (vedi ritratto), nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata il 02 maggio 1906 Solofra deceduta di nefrite ad otto anni.

5) il Magnifico
Ragioniere
Funzionario Società Condotte
donno
ETTORE RAFFAELLO PIO QUARANTA-ROSAPANE (vedi fotografia) , detto il Boss, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nato a Solofra il 23 maggio 1908, testimoni della nascita furono don Antonio Giliberti, impiegato e don Bartolomeo Grimaldi, segretario e possidente di Solofra. Di professione Cassiere Capo Società Condotte. Residente in Pastorano e poi in Salerno.

Sposa all'età di 27 anni, il 28/12/1935 alle ore 16 e 45 minuti, in San Pietro in Camerellis, Anna Ragosta-della Porta di anni 19, nata a Torchiara il 5/1/1916 e deceduta in Salerno (le cui sorelle furono Clelia, Eleonora che sposò Giorgio e visse a Londra con due figlie, Celeste che sposò Pio D'Arcangelo, Giulia che sposò un d'Alessandro da cui ebbe Carla, Roberto, e Luciano; i fratelli di Anna furono Domenico Ragosta-della Porta nato 06/09/1911-morto 11/06/1982; Enrico e Bruno), figlia di Matteo Ragosta ed Emilia della Porta di Laureana Cilento, (Emilia della Porta discendeva da una famiglia nobile ed illustre nel Medioevo ma completamente impoveritasi e decaduta già dalla fine del 1300; Emilia della Porta abitò a Salerno in via Paolo de Granita n.6-.
Testimoni di nozze furono per lo sposo Matteo Silentino di anni 24 , per la sposa Pasquale Ragosta di anni 36 figlio di Domenico Ragosta.

6) il Magnifico Ragioniere Funzionario di Banca
donno ANTONIO IV SABINO GERARDO MARIA QUARANTA-ROSAPANE, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Solofra il 9 febbraio 1911 e deceduto nel 1996. Cassiere Capo della Banca Nazionale del Lavoro. Coniugato con la Magnifica donna Amalia dei Siniscalchi di Coperchia
.
                                                                                TORNA ALL'INDICE

 

                                                                 QUARANTA de PUGNETTI (de PEQUIGNET)

Don GIUSEPPE I ACHILLE MARIA (vedi fotografie) QUARANTA-ROSAPANE, 17°Barone di Fusara
, sposa nel gennaio del 1928 la nobildonna Ester de Pugnetti (nobile famiglia napoletana dei conti di Montbriandot), quondam prof. don Cesare  e donna Teresa Abet da cui ha:
A) la Magnifica donna MARIA I QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, deceduta all'età di vent'anni.
B) il Magnifico donno
ANTONIO V QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Signori di Fossalopara, 18°Signore di CasaQuaranta
18°Barone di Fusara dal 1971

C) la Magnifica donna
ELISA I TERESA ERSILIA QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, coniugata con Antonio Monaco.

Figli:
1) la Magnifica donna Valeria Monaco di Quaranta-Torella d'Ischia coniugata con il Magnifico donno dott. Massimo dei principi Torella d'Ischia-dei principi Sanseverino di Salerno Figli: Giada Torella e Luca Torella
2) il Signor Salvatore Monaco di Quaranta coniugato con Carmela Petrone figli: Fabiana Monaco e Jacopo Antonio Monaco.

D) la Magnifica donna TERESA II QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, detta:"Sisina", coniugata con Crescenzo Cipolletta.
Figli:
1) Rosaria Cipolletta di Quaranta.
2) Patrizia Cipolletta di Quaranta.
3) Domenico Cipolletta di Quaranta.

E) il Magnifico donno GENNARO QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
F) il Magnifico donno LUCIO QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
                                                                            TORNA ALL'INDICE

 

                                                                    QUARANTA-SANNIOLA
Don ANTONIO V QUARANTA de PUGNETTI, 18°Barone di Fusara dal 1971, sposa Anna Maria Sanniola.
Figli:

1) la Magnifica donna MARINA IV QUARANTA-SANNIOLA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
2) la Magnifica donna DANIELA QUARANTA-SANNIOLA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
3) il Magnifico donno GIAMPAOLO I QUARANTA-SANNIOLA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Obiit

                                                                              TORNA ALL'INDICE

 

                                                                    QUARANTA SCHIAVONE
Don GENNARO QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, sposa Anna Schiavone.
Figli di QUARANTA SCHIAVONE:
1) la Magnifica donna ESTER QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
2) la Magnifica donna MARIA II QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
3) la Magnifica donna ROBERTA QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
4) il Magnifico donno MAURIZIO QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

                                                                             TORNA ALL'INDICE

 

                                                                    QUARANTA CRISCUOLO
Don LUCIO QUARANTA de PUGNETTI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, sposa Rosaria Criscuolo.
Figli:
1) Il Magnifico donno GIUSEPPE II QUARANTA-CRISCUOLO, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
2) il Magnifico donno SALVATORE QUARANTA-CRISCUOLO, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
3) il Magnifico donno PAOLO QUARANTA-CRISCUOLO, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

                                                                                TORNA ALL'INDICE

 

                                                                           QUARANTA SAPERE
Don URIELE II ANTONIO FORTUNATO QUARANTA-ROSAPANE detto "il Bello", nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. 
Sposa in prime nozze donna Laura Sapere dalla quale ha per figlio:
il Magnifico
donno
GIOVANNI II QUARANTA (vedi fotografia), detto:"Gianni il Grosso", nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato in Salerno il 9 marzo 1930 ivi deceduto il 25 dicembre 1964.  Rimasto orfano dei genitori fu sistemato in collegio a spese dei fratelli del padre, Ettore ed Antonio.
Giovanni morì sulla lungomare di Salerno a causa di un improvviso attacco di Epilessia che lo colse mentre si stava recando a far visita allo zio Ettore per il giorno del Santo Natale.
Si racconta che Giovanni soffrisse di Epilessia a causa del fatto che quando era ancora in fasce la cameriera lo lasciò cadere per terra. Fu tumulato nel cimitero di Coperchia nella cappella della famiglia Siniscalchi-Quaranta
Il magnifico Uriele II rimasto vedovo sposò in seconde nozze la prof.ssa Nicoletta Naddeo, dalla quale non ebbe figli e ben presto si separò perché si dice che Nicoletta maltrattasse il figliastro Gianni il Grosso.

                                                                               TORNA ALL'INDICE

 

                                                                      QUARANTA  FOGLIA
Don ACHILLE I MARIA QUARANTA-ROSAPANE (vedi fotografia) sposa Luisa Foglia e procreano:
1) il Magnifico Geometra
donno
GIOVANNI III RAFFAELE AURELIO QUARANTA-FOGLIA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Piacenza il 28/12/1936.
Coniugato con Ave Merenda, nata a Cengio (SV) il 29/06/1943, segretaria di azienda, figlia di Giuseppe Merenda nato a Porz in Germania il 12/10/1912, di professione capo della Centrale Edisonvolta, e Maria Monguzzi, nata a Brugherio (MI), il 12/1/1920, casalinga.
Figli: di QUARANTA MERENDA
A) il Magnifico donno ACHILLE II VITTORIO FRANCESCO QUARANTA, detto Nanni nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nato a Lavagna (GE) il giorno 08/07/1964; coniugato con Simona Atzei, nata a Cagliari il 14/11/1967, di professione ragioniera.
Figlio: QUARANTA AZTEI
A di A) il Magnifico donno RICCARDO QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Cagliari il 06/12/1993.
B
) la Magnifica donna
BRUNELLA ARMIDA ROSSELLA QUARANTA nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nata a Johannesburg (Sud Africa) il 24/04/1971.

2) il Magnifico
Ispettore Veterinario
donno VITTORIO ETTORE QUARANTA-FOGLIA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nato a Civitavecchia nel 1940 Ispettore Veterinario.
Coniugato il 13/06/1970 in Milano con Giulia Arzeno-Grassi, figlia del Commendatore Alfredo Arzeno e Carla Grassi proprietaria di una impresa di liguori.

Figlia di QUARANTA ARZENO GRASSI:  la Magnifica donna ROSSELLA QUARANTA-ARZENO-GRASSI nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
3) la Magnifica donna BIANCA QUARANTA-FOGLIA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta, nata e subito deceduta nel 1946.
                                                                        TORNA ALL'INDICE

 

                                                         QUARANTA-RAGOSTA della PORTA
FIGLI di ETTORE RAFFAELLO PIO QUARANTA-ROSAPANE e Anna Ragosta-della Porta:
1) il Magnifico
Dottore Direttore Idrotecna di Salerno
donno
ANTONIO VI ACHILLE MARIO QUARANTA (vedi fotografia), detto Tonino, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Nato il 17/8/1936 in Salerno, battezzato il giorno 1 novembre 1936 in San Pietro in Camerellis da don Matteo Passeggia (la levatrice fu Maria Scannapiego)
(47); dirigente Società Condotte. Deceduto in Salerno il 09/08/1993 riposa nell'ala nuova del cimitero di questa città; sposa il 12/8/1961 in Avellino la Magnifica insegnante donna GEMMA PISANI-SANTOLI de ANTONELLIS, fu Alfonso di Torella dei Lombardi (AV).
2) il Magnifico Dottor Professore
donno
GIOVANNI IV URIELE QUARANTA, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nato a Salerno il 29/12/1937 deceduto a Viterbo nel 2002-.
Battezzato il 2/01/1938 in San Pietro in Camerellis da don Matteo Passeggia (la levatrice fu Maria Scannapiego)
(48). Cresimato il 29 giugno 1948 nella Badia di Cava.
Frequenta il Regio Liceo Torquato Tasso di Salerno dove consegue la Maturità Classica con ottimi risultati. Laureatosi giovanissimo si dedicò subito all'insegnamento diventando in breve tempo uno stimato professore di lettere.
Sposa il 19/10/1966 in S. Demetrio di Salerno l'ins. Margherita Panzella (di Rosario).

Figli:
A) la Magnifica
Donna ILARIA QUARANTA  nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta avvocato.
B) il Magnifico
Donno DANIELE QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
3) la Magnifica
donna ELISA II ANNA MARIA QUARANTA, detta Lisetta, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata a Salerno il 20/2/1939 in largo Conforti n.25 primo piano. Battezzata in San Pietro in Camerellis. Coniugata con Michele Meloro.
Figli: a) Ettore Maurizio Meloro di Quaranta  b) Giuseppe Meloro di Quaranta c) Patrizia Meloro di Quaranta
4) la Magnifica
donna CONCETTA IMMACOLATA QUARANTA, detta la Strega, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata a Salerno il 2/12/1940.
Battezzata nel Convento dell'Immacolata (Rione del Carmine di Salerno) il 19 gennaio 1941 da Rosa Ragosta ed ivi cresimata il 14 gennaio 1967 da Margherita Panzella; dall'atto di cresima risulta che la famiglia Quaranta risiedeva in via Giovanni Centola n°7 in Salerno. Coniugata con Antonino Giussani di Bovisio Masciago Milano. Figli:
a) Marta Giussani di Quaranta; b) Giuseppe Giussani di Quaranta.
5) la Magnifica donna
ELEONORA QUARANTA
nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Nata nel 1941 e deceduta dopo pochi giorni.
6) la Magnifica
donna ANNA MARIA III QUARANTA, detta Maruzzella o Banana, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nata a Salerno il 30/7/1943.
Battezzata nella Parrocchia di Ponte di Fratte l'1/8/1943; coniugata con Germano Giussani di Bovisio Masciago Milano.
Figli: a) Enrico Giussani di Quaranta; b) Alessandro Giussani di Quaranta.

7) il Magnifico Dottor Psicopedagogista, Istruttore di Training Autogeno Direttore
dei Servizi Generali e Amministrativi dello Stato
donno
LUCIANO QUARANTA, detto "Baulino" nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nato a Salerno il 10/04/1946.
Sposa il 03/06/1974 nella Parrocchia di Sant'Anna in San Lorenzo di Salerno (via S.De Renzi 26) Carmela Malandrino di Vatolla Cilento (Perdifumo).
Figlio:
il Magnifico Cavaliere Grande Ufficiale di Giustizia Dell'Ordine Militare Ospitaliero di San Lazzaro Di Gerusalemme e Malta Dottore in Economia Funzionario del Ministero della Salute
donno
GIANPAOLO II QUARANTA, detto Jean Paul di Fusara, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta. Nato a Salerno il 07/08/1975.
Frequenta il Liceo Torquato Tasso di Salerno dove consegue la Maturità Classica con ottimi risultati, studente universitario di Economia scrive per l'Università degli Studi di Salerno: "Lettera a Karl Marx", si laurea in Economia con una tesi sull'opera di F.A.von Hayek. Studia pianoforte, violino, organo, armonia, contrappunto, canto corale, composizione e direzione d'orchestra presso noti Maestri del Salernitano e si dedica in modo amatoriale alla carriera concertistica. Appassionato di cavalli frequenta corsi di Monta Inglese presso il rinomato Centro Equestre "Uliveto" di Salerno.

                                                                       TORNA ALL'INDICE

 

                                                                     QUARANTA-PISANI
Figli di Antonio VI Achille Mario Quaranta e Gemma Pisani-Santoli de Antonellis:
A) il Magnifico dottore Consigliere di Prefettura donno GERARDO QUARANTA-PISANI, nobile dei Baroni di Fusara signori di Fossalopara e CasaQuaranta coniugato con la professoressa Rosita Risi, Maestro di Musica.
B) il Magnifico Ispettore del Lavoro
Avvocato donno ROBERTO QUARANTA-PISANI nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

                                                                         TORNA ALL'INDICE    

 

                                                                       QUARANTA de RISI
Figli di Gerardo Quaranta-Pisani e Rosita de Risi sono:
a) la Magnifica donna MONICA QUARANTA-RISI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
b) il Magnifico donno ANTONIO VII QUARANTA-RISI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta

                                                                              TORNA ALL'INDICE

 

                                                                    QUARANTA SINISCALCHI
Figli di Antonio IV Sabino Gerardo Maria Quaranta-Rosapane e donna Amalia dei Siniscalchi di Coperchia:
A) il Magnifico
dottore ENNIO QUARANTA-SINISCALCHI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta
B) la Magnifica
professoressa donna MARIA ROSARIA QUARANTA-SINISCALCHI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.  Coniugata con il dott.prof. magnifico don Filippo Giannattasio di Sieti Sindaco di Giffoni.
C) la Magnifica
insegnante donna LILIANA QUARANTA-SINISCALCHI, nobile dei Baroni di Fusara Signori di Fossalopara e CasaQuaranta.
Sposa l'Ing. Francesco Ottobrino ed ha due figli: Vincenzo e Paolo Ottobrino di Quaranta.

                                                                              TORNA ALL'INDICE

 

                                                           FAMIGLIA CONTI QUARANTA di BARIGAZZO
                                                              (
Ramo Cavese della Famiglia Quaranta)
                                      
Titoli Ufficiali:
                                                            Nobile dei Signori di Fossalopara
                                                            Nobile (mf) Nobile dei Conti (mf)
                                                            Patrizio Salernitano e Cavese

Magnifico
donno
AGOSTINO II QUARANTA-del GALDO (vedi ritratti) (vedi Quaranta del Galdo), quondam Ferdinando Francesco e Anna Maria del Galdo, nato 27°Signore di Fossalopara.
1°Signore di Santi Quaranta e Dupino
1°Conte di Barigazzo
La tradizione vuole che Agostino II fosse investito del titolo di Conte del Sacro Romano Impero il 24 Dicembre del 1743 dal Duca Francesco III d'Este, in virtù del fatto che durante un periodo di carestia e miseria Agostino aveva impegnato le sue rendite per far lavorare il pane a proprie spese e sfamare con questo i poveri e i contadini.
Tuttavia bisogna notare che Agostino II non può essere nato prima del 1729 o meglio 1730, (infatti il padre di Agostino II si sposò nel 1729) dunque nel 1743 aveva solo tredici anni ed è molto improbabile che in così tenera età potesse compiere una tale virtuosa opera, riteniamo per questo o che la data 1743 sia errata e l'investitura vada spostata almeno al 1753 oppure che vi sia un errore nella data di matrimonio di Ferdinando Francesco Quaranta il che però appare molto improbabile.  I Quaranta conti di Barigazzo, ebbero dal 1700, fino ai giorni nostri, dimora nel castello di Santi Quaranta fatto ristrutturare proprio da Ferdinando Francesco padre del primo conte di Barigazzo Agostino II. 
Il conte ebbe un solo figlio:

i
l Magnifico
capitano
donno
FEDERICO I QUARANTA (vedi ritratto)
28°Signore di Fossalopara
2°Signore di Santi Quaranta e Dupino
2°Conte di Barigazzo.
Nasce in Santi Quaranta nel 1788, muore in Salerno nel 1865.  Col grado di Capitano si reca a seguito dei Napoletani in Russia nel 1812 viene ferito a Danzica;
Napoleone I Imperatore di Francia lo insignisce della Legion d'Onore mentre Napoleone III lo decora della medaglia di Sant'Elena pei servigi resi alla Francia.
Sposa in prime nozze, la nobile Adelaide Rossi e in seconde nozze,  nel 1851 Teresa Galà dei Signori di Sala Consilina
.
                                                                               TORNA ALL'INDICE

 

                                                                       QUARANTA de ROSSI
Dal matrimonio di Federico I Quaranta, 2° conte di Barigazzo, e Donna Adelaide Rossi nascono:
1) Magnifico
dottore donno AGOSTINO III CARLO ERASMO QUARANTA-ROSSI
29°Signore di Fossalopara, 3°Signore di Santi Quaranta e Dupino
3°Conte di Barigazzo.
Nato in Gaeta il 24 maggio 1834.
Dottore in utroque iure, appartenne a vari istituti scientifici del Regno.
2) Magnifico
Procuratore donno LUIGI MARIA FRANCESCO QUARANTA-ROSSI
nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nato a Capua il 13 giugno 1836.
Procuratore presso la Corte d'Appello di Napoli e il Tribunale di Salerno.
Sposa il 3 dicembre 1860 donna Filomena del Bue
3) Magnifica
donna CAROLINA MARIA NICOLETTA QUARANTA-ROSSI nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata il 14 marzo 1839.
Carolina sposa il 22 maggio 1867 il cav.Gennaro Quaranta dei baroni di San Severino.
4) Magnifica
donna RAFFAELA MARIA ELISABETTA QUARANTA-ROSSI nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata il 30 gennaio 1842.

                                                                               TORNA ALL'INDICE

 

                                                                        QUARANTA del BUE
Figli di Luigi Maria Francesco Quaranta-Rissi e Filomena del Bue (prime nozze):
Adelaide II Quaranta-del Bue, nata a Salerno l'11 dicembre 1861.
Federico Quaranta-del Bue, nato a Salerno il 7 ottobre 1865.
Giovanna Quaranta-del Bue, nata a Salerno il 20 giugno 1871.

                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                                          QUARANTA GALA'
Figli di Federico I Quaranta, 2° conte di Bagarozzo e Donna Teresa Galà (seconde nozze):
Il Magnifico
donno
STEFANO I MARIA ALFONSO QUARANTA-GALA' nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nato in Salerno il 13 agosto 1852. Fu Sacerdote, dottore in sacra teologia, predicatore, professore di lettere nel seminario Arcivescovile e partecipante alla Curata Collegiata della Santissima Annunziata di Salerno.

Il Magnifico
donno
AGOSTINO III CARLO ERASMO QUARANTA-ROSSI
29°Signore di Fossalopara
3°Signore di Santi Quaranta e Dupino
3°Conte di Barigazzo.
Nato in Gaeta il 24 maggio 1834 dottore in utroque iure, sposa l'11 febbraio 1869 la nobildonna Giuseppina d'Aromando di Sant'Arsenio
.
                                                                             TORNA ALL'INDICE

 

                                               QUARANTA de ROSSI d'AROMANDO di SANT'ARSENIO
Figli di Agostino III Carlo Erasmo Quaranta-Rossi e
Giuseppina d'Aromando di Sant'Arsenio:
Il Magnifico
donno
FEDERICO II QUARANTA-ROSSI-d'ARMANDO di SANT'ARSENIO
30°Signore di Fossalopara
4°Signore di Santi Quaranta e Dupino
4°Conte di Barigazzo.
Coniugato con la signora Chiara Arienzo

                                                                           TORNA ALL'INDICE

 

                                                                   QUARANTA d'ARIENZO
Figli di Federico II Quaranta-Rossi-d'Armando e Chiara Arienzo:
1) Il Magnifico
donno
AGOSTINO IV QUARANTA
31°Signore di Fossalopara
5°Signore di Santi Quaranta e Dupino
5°Conte di Barigazzo
Nato a Salerno il 9 gennaio 1918
2) La Magnifica
donna
GIUSEPPINA QUARANTA
nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata a Salerno il 23 aprile 1919.

Detto Don Agostino IV Quaranta, 5° Conte di Barigazzo ebbe a figliuoli:
1) la Magnifica
Insegnante
donna
CHIARA QUARANTA
nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata a Salerno il 20 agosto 1946. Domiciliata a Potenza.
2) il Magnifico Ingegnere
donno
FEDERICO III QUARANTA
32°Signore di Fossalopara
6°Signore di Santi Quaranta e Dupino
6°Conte di Barigazzo.
Nato a Salerno il 31 luglio 1951. Domiciliato a Salerno.
3) la Magnifica Insegnante
donna
GRAZIA THEA QUARANTA
nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata a San Remo il 29 luglio 1953. Domiciliata a Salerno.
4) la Magnifica Insegnante
donna
TULLIA QUARANTA
nobile dei Conti di Barigazzo Signori di Fossalopara, Santi Quaranta e Dupino.
Nata a Napoli il 2 marzo 1956. Domiciliata a San Cipriano Picentino.

                                                                            TORNA ALL'INDICE

_______________
Note:
1) Da un antico testo araldico, il quale ci fornisce la seguente discendenza:Cavaliere delli Quaranta intitolato Signore di Fossalopara nel 1016 dal Principe Guaimaro IV.
2) Copia fundamenti Juris Patronatis ex originale in pergamena in Curia Cavensis p.D.Placidum Quaranta die 3 jun: 1630.
3) Archivio di Stato di Napoli arca 2 1376.
4) Una carica più o meno simile a quella di Regente.
5) Lib .decret.1521 a fol.L .Archivio di Stato di Salerno.
6) Regis. 3 Cardinale d'Aragona pag 270 Archivio di stato di Cava de' Tirreni.
7) Tale chiesa oggi non esiste più perché nella seconda metà dell'ottocento, contando solo tre anime, fu aggregata con decreto arcivescovile alla chiesa Parrocchiale di S.Maria della Neve e S.Giovanni in Pastorano; l'edificio quattrocentesco della Parrocchia di S.Elia in via S.Elia fra Cappelle di Salerno e Pastorano è stato raso al suolo per permettere l'ampliamento della strada al fine di consentire un più agevole passaggio ai tir di una società privata che gestisce una cava lì vicino.
8) Archivio di Stato di Salerno.
9) Archivio di Stato di Salerno cit. testamento Laurentii Quaranta.
10) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not. 4969-1652 p.3.
11) La tela dopo il terremoto del 1980 è stata rubata e per ora purtroppo non se ne hanno più notizie.
12) Cfr.Cosimato-Salerno nel Seicento p.245.
13) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not. 4979-1652 p.307.
14) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not.4984-1649 p.196.
15) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not. 4945-1649 p.44.
16) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not. 4984-1648 II tomo p.81.
17) Archivio Diocesano di Salerno.
18) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not. B5041-1645 p.105.
19) Archivio di Stato di Salerno Prot. Not.4986-1652 p.156 a tergo.
20) Non sorretta da alcun documento fin ora e pertanto pura fantasia di chi scrive.
21) Deceduta il 6 marzo 1711 all'età di ottanta anni nella propria casa sita in loco detto Nocelleto il cui corpo fu tumulato nella Cappella del Monte dei Morti di Antessano.
22) Testimoni del decesso furono: Marina de Cunto, Olympia Mauro e Marina Soriente.
23) Libro dei morti di Antessano.
24) Archivio di Stato di Salerno notaio Salvatore Severino: Capitoli Matrimoniali.
25) Capitolo Matrimoniale del notaio Giovan Battista de Simone di Baronissi, presso Archivio di Stato di Salerno.
26) Fondo Privato Lauro-Grotto, Archivio di Stato di Salerno.
27) Archivio di Stato di Salerno notaio Salvatore Severino A.D.1763.
28) Nello Stato delle Anime di S. Elia di Pastorano risulta prima Xantus Quaranta e di poi JoanneXantus Quaranta.
29) Testimoni di nozze furono: Annibale Bracale, Gaetano Bracale e Francesco de Bartolomeis.
30) Pag 111 del libro dei morti di Antessano.
31) Questo Giovanni fonda nel 1772 la Cappella del Monte dei Morti nella chiesa della Santissima Annunziata di Acquamela, con un legato di 31 ducati.
32) Probabilmente trattasi di Carlo Quaranta-Barra figlio di Natale II e Livia Barra. Archivio di Stato di Salerno notaio Salvatore Severino A.D.1763.
33) Testimoni di nozze furono Matteo Quaranta padre della sposa, don Lorenzo Quaranta fratello dello sposo e Salvatore Bruno.
34) Pag 114 registro dei Matrimoni di Antessano.
35) Atto di morte n.47/1839 Comune di Solofra.
36) Battezzata dal Parroco di Piano Reverendo don Cesare Buonomo.
37) Archivio Diocesano di Salerno cartella E236.
38) All'epoca si chiamava Usciere quello che oggi è chiamato Ufficiale Giudiziario ovvero il funzionario addetto alla notifica degli atti dell'autorità giudiziaria a pignorare e ad eseguire sequestri.
39) Archivio della collegiale de San Michele a Solofra libro dei morti 1837 pagina 139.
40) Atto di morte Comune di Solofra numero 100/1901.
41) Atto di matrimonio n.28/1859 Comune di Solofra.
42) Archivio Privato di CASA QUARANTA di FUSARA.
43) Atto di morte n.52/1915 Comune di Solofra.
44) Atto di nascita n.90/1828 del Comune di Solofra.
45) Atto di nascita n.02/1830 del Comune di Solofra.
46) Archivio della Collegiale di San Michele di Solofra libro dei morti 1837. Qui risulta che i Quaranta non risiedevano più nel loro palazzo alla contrada Li Volpi di Solofra ma in via Nuova sempre in Solofra.
47) Archivio Parrocchiale di S.Pietro volume I n°271-(dall'atto risulta che i Quaranta risiedevano in via Francesco Conforti).
48) Archivio Parrocchiale di S.Pietro volume I n°1019-(dall'atto risulta che i Quaranta risiedevano in via Velia 76).
 

 

Parentele

Famiglie imparentate con casa Quaranta

2^ Parte dei "Rami di Casa Quaranta

"I Rami di Casa Quaranta -2^ Parte"


Casato inserito nel 1° Volume di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi