Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Famiglia Spina

Armi:
Spina del Seggio di Nido: d'oro a tre o più fasce doppio dentate d'azzurro, con la banda d'argento caricata da tre rose rosse.
Spina di Cosenza: d'oro a tre fiori di rosso stelati con spine.

P.S.Gaetano-S.Lorenzo Maggiore
© Napoli - Arma della Famiglia Spina

L’antica e nobilissima famiglia Spina, originaria di Scala, ha goduto di nobiltà in Amalfi, Scala, Napoli dove fu ascritta ai Sedili di Nido e Portanova, in Cosenza, Catanzaro, Messina, Firenze, Genova e Milano.
Le prime notizie risalgono ai tempi dell’imperatore Federico II di Svevia, Re di Napoli dal 1215 al 1250, con Gregorio Spina che possedeva in Napoli dei terreni accanto alle case di Giovanni Boccatorto del Seggio di Montagna.
Carlo I d’Angiò donò al cavaliere Egidio Spina, preposto alla distribuzione della nuova moneta nel 1271,  i feudi di Copertino e Carpignano situati in Terra d’Otranto.
Falcone Spina della città di Scala, Vice Ammiraglio in Calabria, fu Maestro della zecca di Messina con Marino Platamone e Riccardo Gallo, entrambi della città di Amalfi; prestò un ingente somma di denaro al predetto sovrano, insieme a Filippo Rocco, Sergio Cappasanta, Tommaso d’Angelo ed altri.

Chiesa S. Lorenzo Maggiore
© Napoli - Sepolcro di Falcone Spina di Scala - nella cappella fu sepolta anche Francesca Spina moglie di Angelo Confalone

Enrico fu Maestro portulano di Napoli nel 1289.
Riccardo, al comando di molti suoi uomini a cavallo, partecipò all’impresa di Sicilia sotto re Roberto II d’Angiò.
Nel 1335 Leonardo Spina, insieme a Bonavita Coscia, fu preposto alla costruzione delle galee nella città di Brindisi; nel 1336 Giorgio Spina possedeva molte galere insieme a Raimondo Natale.
Nel 1419 Angelo Spina rese omaggio alla regina Giovanna II di Durazzo dopo la sua incoronazione, insieme a Galeotto della Gatta, Micone Pignatelli, Talubardo Vulcano, Nicolò d’Afflitto, Enrico Dentice, Pietro Sersale ed altri nobili.
Battista ed Antonio Spina furono cavalieri della guardia di re Ferdinando I d’Aragona, insieme a Riccardo d’Alessandro, Troiano Origlia, Giovanni Antonio Caldora, Giovanni Milano, Antonio Grisone, Carlo Frangipane,  Fabrizio e Annibale Aiossa, Lancellotto Mele, Matteo Gargano ed altri.
Nel 1488 Angelo Spina, regio Cortigiano, fu un insigne avvocato del Foro di Napoli.
Giovan Tommaso Spina, cavaliere di Calatrava, fu Presidente in Calabria e Maresciallo di Campo nelle guerre di Fiandra; pagava al fisco per la Bagliva di Aversa che aveva in feudo.
La famiglia possedeva in Napoli una cappella gentilizia nella Chiesa di Sant’Agostino.

Nel 1591 Scipione Spina ( 1639) fu nominato Vescovo di Lecce.
Ginestra degli Schiavoni, in Principato ultra, fu acquistata il 18 maggio 1616 da Annibale Spina (
18 agosto 1616) del Seggio di Nido per ducati 9.500 ad istanza dei creditori dei fratelli Giovan Vincenzo e Francesco Caracciolo, figli di Marcello Caracciolo, marchese di Casalbore.
Nel 1618 Francesco Spina, figlio di Annibale, soddisfece alla Regia Corte il rilievo della terra di Genestra degli Schiavoni, del casale di Pomigliano d’Atella e della terra di Rugnano posta in quel di Aversa.
Il feudo passò poi Mario Ciaburri che l’acquistò per ducati 8.500.
Porzia Spina del Seggio di Nido sposò Scipione Longobardi, patrizio di Castellammare, ai tempi dell’Imperatore Carlo V d'Asburgo-Spagna.
Nel 1621 la marchesa Giovanna Spina,  zia  di Francesco Regina, fu nominata tutrice del feudo di Salcito, in Contado di Molise, oggi in Provincia di Campobasso, con i tre casali disabitati di Pietravalle, Castello Rugbo e Pietra Jannizzera, ed i territori seminativi della Marchesana, di Montepiano e di Fonte le Frassi.
Nel 1654 Paolo Francone, marito di Vittoria Sanfelice dei duchi di Bagnoli, divenne marchese di Salcito.
Il castello di Ardone in terra di Calabria Ultra I, già di proprietà dei Gambacorta e poi degli Spina, passò quindi ai Milano Franco d'Aragona.

Gli Spina, patrizi di Cosenza, giunsero a Cosenza dai casali della Presila di Pietrafitta e Spezzano Piccolo, dove Domenico esercitò la carica di procuratore del tribunale di Cosenza, con decreto della Regia Udienza del 23 giugno del 1587; fu iscritto al sedile dei nobili. Maurizio fu capitano; Gianni Andrea si trasferì a Catanzaro e morì senza prole.
Don Domenico Spina (1790
1842), guardia del corpo di re Gioacchino Murat, fu nominato cavaliere dell’Ordine delle Due Sicilie.


Spezzano Piccolo (CS), Palazzo Spina, androne


Spezzano Piccolo (CS), Palazzo Spina


Spezzano Piccolo (CS), Palazzo Spina, portale

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace.


Continua sul quinto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved  
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi