Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Famiglia Spiriti

Arma: d’argento a tre pali d’azzurro, abbassato sotto un capo partito, nel 1° d’oro a mezz’aquila bicipite di nero movente dalla partizione, e nel 2° d'azzurro ad un mezzo giglio movente dalla stessa partizione, seguito da altri due gigli il tutto d’oro.
Altra: d’azzurro a tre pali d’oro, abbassato sotto un capo partito, nel 1° d’oro a mezz’aquila bicipite di nero coronata d’oro movente dalla partizione, e nel 2° d’azzurro ai tre gigli d’oro posti 2 e 1.

Titoli: patrizi di Cosenza, marchesi di Casabona, marchesi di Montorio, duchi di Castelnuovo.

Dimore: Viterbo, Gaeta, Cosenza, Casabona, Montorio, Castelnuovo e Napoli.

Patrone: La Vergine Maria e Sant'Anna.


Cosenza, stemma Spiriti

P.S.M.L.N.
Napoli, stemma Spiriti

La famiglia Spiriti, originaria della Germania, giunse in Italia per stabilirsi a Viterbo, successivamente a Gaeta  e  nel Trecento giunse a Cosenza.
Dal libro dei parlamenti di Cosenza del 1493 e nei privilegi della città, la famiglia Spiriti figura inclusa nella seconda piazza degli onorati cittadini.
Andrea, fu membro della Camera Apostolica di papa Innocenzo VIII e generale di papa Alessandro VI.
Giovanni Battista, fu ambasciatore per la città di Viterbo al papa Giulio II, duce dell'esercito dell'imperatore Massimiliano, dal quale ottenne d'inserire nello scudo l'aquila imperiale.
Cristoforo, creato vescovo di Cesena nel 1510 da papa Giulio II, nel 1550 da papa Giulio III  fu creato patriarca di Gerusalemme, morì nel 1556.
Andrea è menzionato in un contratto del 1443 con  Galeazzo di Tarsia, barone di Belmonte,  e Guido di Sorrento, signore di Mottafollone.
Pietro, figlio di Andrea, parteggiò per gli aragonesi, nel 1493 fu sindaco del popolo di Cosenza nel mentre era sindaco dei nobili Rao Firrao; nel 1498 fu inserito nell'elenco dei popolari civili e mandato al re con le seguenti parole: “Item vi è Pietro di Spirito, di anni 70, sindaco del populo da cinque anni.”
Giovanni, figlio di Pietro, da un atto del notaio Donato di Cosenza risulta che: nel 1498 vendette venti canne di panno di lana nobile di vario colore a Nicola Carolei a credito di diciotto ducati,  a Francesco Migliarese diede a credito altre dodici canne di panno rosso, di palmi tre, al prezzo di dodici carlini ciascuna.
Giacomo, nel 1501, fu affittatore della bagliva di Cosenza.
Giovanni juniore, nel 1515, dopo aver goduto la seconda piazza, fu aggregato a quella del nobile sedile con altre famiglie, tra di esse i Bombini ed i Caputo
.
Antonio ( 1594), sposato a Lucrezia Ciaccio, lasciò una bottega a suo nipote Cesare figlio di Giovanni Battista.
Giovanni Battista, di Cesare e Caterina Favaro, sposò Vittoria Barracco, figlia di Alfonso, barone di Lattarico, e di Chiara Lucifero.
Antonio (Cosenza, 29 aprile 1592), figlio di Giovanni Battista e Vittoria, nel 1617 fu ammesso nell'Ordine di Malta.
Ottavio Spiriti ebbe in feudo Montorio
(1) col titolo di marchese, concessogli dall'imperatore Carlo V; questo ramo degli Spiriti si estinse nella famiglia Vasaturo.


Montorio al Vomaro (Teramo)

Giovan Alfonso, patrizio di Cosenza, sposò in prime nozze Cornelia Pisciotta († 1652), marchesa del feudo di Casabona con annesso il casale di San Nicola (oggi comune di San Nicola dell'Alto).
Giovan Battista († 1658), marchese di Casabona per successione a sua madre, marchesa  Cornelia, in qualità di figlio primogenito, ebbe per figli: Domenico Antonio e Diego, che ereditò il titolo di marchese di Casabona, nel 1694 vendette, per la somma di ducati 55.250 il feudo di Casabona col casale di San Nicola a Partenio Rossi dei duchi di Castelluccia, con Regio Assenso del 6 ottobre dello stesso anno; sposò Antonia Spiriti figlia di Giuseppe.
Salvatore, acquistò il feudo rustico di Schito (o Ischito; oggi bene del comune di San Pietro in Guarano nel quale ricade, ottenuto con sentenza del 16 maggio del 1889 del Collegio arbitrale per gli affari della Sila) nella Sila Grande, dal barone Pietro Fulvio Greco, con Regio Assenso del 1705
(2).
Giuseppe († 1751), figlio di Salvatore, nel 1717 successe nel feudo di Schito; sposò donna Ippolita Cavalcante dei duchi di Buonvicino, ed ebbero per figli: Giovan Battista, Antonio, ed il primogenito Salvatore, il quale ereditò il feudo di Schito.


Casabona (Crotone)

Salvatore (1713 † 1776), figlio di Giuseppe ed Ippolita, in giovane età fu mandato a Napoli a studiare presso il Seminario dei Nobili, conseguì gli studi giuridici; avvocato di successo in Napoli, ricoprì cariche pubbliche al servizio di Carlo di Borbone, nel 1751 fu nominato governatore di Amalfi e, successivamente di Sorrento e Pozzuoli, fu consigliere del Supremo Magistrato del Commercio e Giudice della Gran Corte della Vicaria; fu membro della Camera di Santa Chiara, il più alto organo giurisdizionale napoletano. Salvatore è ricordato come scrittore e poeta, scrisse sin dalla giovane età, nonostante le sue cariche pubbliche che lo trattenevano fuori Cosenza restò molto legato alla città, sposò Anna Giannuzzi Savelli dei baroni di Pietramala, non ebbero discendenza; fu Accademico Cosentino dando  nuova vitalità all' Accademia denominata de' Costanti (in quanto rilanciata da Giovan Battista Costanzo, arcivescovo di Cosenza); in quest'ambito decise di realizzare l'opera “Memorie degli Scrittori Cosentini”, pubblicata nel 1750, molti dei quali erano stati membri dell'Accademia; nel 1758 pubblicò una nuova edizione de “Le Rime” di Galeazzo di Tarsia dedicandola alla giovane poetessa Giacinta Orsini, ammessa nell'Accademia dell'Arcadia di Roma(3) all'età di quattordici anni, paragonandola alla poetessa del Cinquecento Vittoria Colonna alla quale fu dedicata l'opera da Galeazzo. A Napoli  frequentava il suo conterraneo Gaetano Argento col quale condivideva l'dea di laicità dello stato ovvero di contrastare le ingerenze della chiesa, in questo contesto pubblicò “Trimerone”.


Opera di Salvatore Spiriti


Elogio a Fabrizio Castiglione Morelli

Nicola Spiriti, patrizio di Cosenza, il 6 marzo del 1766 di ritorno da Napoli consegnava  alla venerabile Congregazione dei Nobili di Cosenza due statuette in avorio come atto di donazione per conto del Padre Don Antonio Caputo, dell'Oratorio di San Filippo Neri in Napoli, di origine cosentina del ramo dei duchi Caputo di Torano “per sua divotione d'amore, e per la venerazione, e stima che conserva verso la suddetta Nobile Congregazione”, le opere raffigurano: Cristo alla colonna, e  San Sebastiano (4), di scuola Michelangiolesca, si possono ammirare nel museo diocesano di Cosenza. Erano destinate per l'Altare della Cappella che usava la Congregazione dei Nobili già Congregazione sotto il titolo di Santa Maria della Misericordia come scrisse Davide Andreotti nelle pagg. 236-237 del Vol.II della sua opera "Storia dei Cosentini", pagine nelle quali descrisse la storia  della Congregazione e che quì riportiamo in sintesi: ... eretta sotto Carlo V nel 1531 ed aveva il pietoso fine di servire ed accompagnare coloro che dovevano giustiziarsi, e nel mentre erano nella Cappella di provvederli di ciò che loro occorresse e di fornirgli la sepoltura nella loro Chiesa, comprarono le case che Girolamo Migliarese possedeva dirimpetto il Convento de' Padri Domenicani; e perchè l'assistenza spirituale venisse scrupolosamente prodigata agli infelici, si offerivano dodici sacerdoti tra i confratelli, che vestivano l'abito bianco, e portavano la croce al petto in segno di nobiltà. La congregazione venne successivamente sostituita dalla Congregazione dei Nobili che aveva sede nel monastero dei Gesuiti; soppresso l'ordine dei Gesuiti nel 1767 i confratelli si riunivano in luoghi diversi e principalmente nella Chiesa dei Teatini; nel 1793 ebbero da Monsignor Mormile il possesso della Chiesa dedicata a San Filippo e Giacomo, siccome essa sorgeva nel vecchio cimitero della Cattedrale si rese officiabile nell'anno 1800; nel 1826 si abbellì con un sedile in noce, vi si dipinsero i quadri della soffitta, i due quadri accanto alla porta e posteriormente vi si allogarono le due statuette di avorio, dono di un signore di Casa Majo, esprimente l'una un S. Sebastiano martire, e l'altra un Cristo alla colonna, opera del Buonarroti, di un pregio e di un valore inestimabile.

Possiamo ragionevolmente desumere che: le statuette fossero custodite in casa de Majo in quanto la Congregazione dei Nobili non aveva una cappella stabile dove prestare l'opera pietosa; con la concessione della cappella ovvero della chiesa dei Santi Filippo e Giacomo la famiglia de Majo ritenne opportuno dotarne la medesima come aveva previsto in origine il suo donatore.


Cosenza, Cappella dei Nobili


Stemma Spiriti (dall' opera di Fabrizio Castiglione Morelli)

Giuseppe (1757 † 1796), figlio di Antonio e Benedetta Caviola, nipote del poeta e scrittore Salvatore, dal quale aveva ereditato il feudo di Schito, insigne per dottrina ed autore di diverse opere, il primo maggio del 1792 indirizzava al capo del governo John Francis Edward Acton le sue "Riflessioni economiche politiche d'un cittadino relative alle due provincie di Calabria" per denunciare al governo la grave situazione di miseria della sua patria che si erano aggravate dopo il terremoto del 1783; morì assassinato a Napoli, i suoi compatrioti accusarono l'Acton in quanto era suo personale nemico. Altri suoi scritti furono: "De' Mali politici ed economici che affliggono le Calabrie, e progetto come provvedervi", "Brevi ricerche sulla natura e numero degli eserciti che convengono in tempo di pace a' Regni di Napoli e Sicilia", "Esposizione delle Teogonie e Cosmogonie antiche", " Elocubrazioni scientifiche naturali", "Memoria della città di Nicastro", " Compendio della storia del Tiraboschi", "Saggio sulle virtù morali", "Memoria sulle seti in Calabria", volume di "Cantate, sonetti e poesie varie".
Salvatore, figlio di Giuseppe, ereditò il feudo di Schito e ne fu l'ultimo intestatario.


Napoli, Cappella famiglia Spiriti, dedicata a Sant'Eligio


Lastra tombale di Nicola Spiriti - Anno 1792


Napoli, stemma famiglia Spiriti, marchesi di Montorio

Benedetto, cavaliere del Sovrano Militare Ordine di Malta, fu sindaco di Cosenza nel 1807.
Nicola
, patrizio di Cosenza, con Regio Decreto del 3 agosto 1855 acquisì il titolo di duca di Castelnuovo
(5) sposando l'ultima erede della famiglia Marotta duchi di Castelnuovo.


Castelnuovo al Volturno (Isernia)

Alla famiglia fu riconosciuta la nobiltà generosa nel 1850 in occasione della prova di Regia Guardia del Corpo dalla Regia Commissione dei titoli (Verbali, Vol. VI, pag 232).
La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana col titolo di patrizio di Cosenza (m.) (del ramo dei marchesi di Casabona) per i discendenti di Salvatore Spiriti (n. Napoli 1843) figlio di Francesco (1824
1846) e di Maria Castiglione; sposato con Luisa Ricciardi.
E' iscritta con i titoli di patrizio di Cosenza (m.) e di duca di Castelnuovo (mpr.) per i discendenti di Nicola (n. nel 1732), e rappresentato alla fine dell'Ottocento da Nicola (n.1858) figlio di Luigi (1833
1896) e di Emilia Cianciulli; sposato con Zilia Catalano Gonzaga dei duchi di Cirella.
La famiglia fu ricevuta nel Sovrano Militare Ordine di Malta: nel ramo di Gaeta in priorato nel 1779 con il cav. Paolo, avendone fatta la prova Giovanni, copostipite, nel 1515.
Il ramo di Cosenza in priorato nel 1617, in persona del cav. Antonio patrizio di Cosenza, e, nel 1774 in persona del cav. Luigi patrizio di Cosenza per prova di consanguineità col citato cav. Giovanni.
Il ramo dei patrizi di Cosenza dei marchesi di Casabona è iscritto nel Registro di Malta per i discendenti di Salvatore Spiriti.
La chiesa di San Giovanni Gerosolimitano, poi data in Commenda, risalente all'alto medioevo fu ristrutturata nella seconda metà del Cinquecento e, a fine Ottocento, una seconda volta per volere del cav. Luigi Spiriti (1833
1896) patrizio di Cosenza e duca di Castelnuovo in qualità di proprietario; nel 2011 è stata, a nuovo decoro, restituita.


Cosenza, Chiesa di San Giovanni Gerosolimitano, porta
laterale, scritta battuta sul metallo: Anno 1882 Luigi Spiriti
duca di Castelnuovo.


Cosenza, Chiesa di San Giovanni Gerosolimitano,
facciata con stemma Spiriti nel timpano.
 


Cosenza, Chiesa di San Giovanni Gerosolimitano

Parentele: Cavalcanti, Cianciulli, Collice, Colonna, Giannuzzi Savelli, Marotta, Masci, Nunziante, Orsini, Passalacqua, Pisciotta, Ricciardi, Sambiase, Spina, Telesio, Vasaturo.

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace; per il cavaliere Nicola Spiriti e Francesco Paolo Spiriti gli Affari della "Real Commissione dei Titoli di Nobiltà".

Note:
(1) - Oggi comune di Montorio al Vomano in provincia di Teramo; ricadenti nel feudo erano anche i villaggi di Vallepiola e Valle San Giovanni
(2) - Gustavo Valente in “ La Sila dalla transazione alla riforma (1687-1950)” Studio Zeta, Rossano 1990, scrive: “le quattro terre feudali della Sila erano : feudo d'Ischito, feudo del Sacco, feudo di Ponticelli e il feudo di Tàcina; il resto della Sila era Regio Demanio.”
(3) - Accademia letteraria fondata dal cosentino Gian Vincenzo Gravina, professore di diritto canonico, e da Giovanni Mario Crescimbeni insieme a Cristina di Svezia; riproponevano una rivisitazione dei classici rispettandone l'impostazione filologica e la contestualizzazione storica.
(4) - "Collezionismo e politica culturale nella Calabria vicereale borbonica e postunitaria"a cura di Alessandra Anselmi - Gangemi Editore; pag. 108.
(5) - Anticamente facente parte della Provincia di Terra di Lavoro in diocesi di Cassino; oggi Castelnuovo al Volturno frazione di Rocchetta a Volturno in provincia di Isernia.

_________________
Fonti bibliografiche:
- Vittorio Spreti: “Enciclopedia storico-nobiliare italiana”, Arnaldo Forni editore
- Francesco Bonazzi di Sannicandro, "Famiglie nobili e titolate del Napolitano", Napoli 1902.
- Dizionario Geografico-Istorico-Fisico del Regno di Napoli dell'Abate D. Fracesco Sacco; Tomo IV; Napoli MDCCXCIV.
- S.M.O. Gerosilimitano di Malta, “Elenco storico della Nobiltà Italiana”, 1960
- Luca Addante “Cosenza e i cosentini, un volo lungo tre millenni”; Rubbettino editore.
- Luigi Palmieri, "Cosenza e le sue famiglie attraverso testi atti e manoscritti" Tomo II; Pellegrini Editore, Cosenza 1999.
- Davide Andreotti “Storia dei Cosentini”, Napoli 1869; Voll.III, pag. 40.
- Eugenio Arnoni, "La Calabria illustrata Vol. III   Cosenza"; Edizioni Orizzonti Meridionali.
- Cesare Sinopoli, Salvatore Pagano, Alfonso Frangipane "La Calabria, Storia-Geografia-Arte" a cura di Francesco Giuseppe Graceffa, pag.111; Rubbettino Editore.
- Carlo Padiglione, "Trenta centurie di armi gentilizie", Napoli 1914.
- Sito web http://db.histantartsi.eu/web/rest/Edificio/829.
- Luca Irwin Fragale, Microstoria e araldica di Calabria Citeriore e di Cosenza. Da fonti documentarie inedite, Milano, Banca CARIME, 2016.


Casato inserito nel quinto volume di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 - All rights reserved  
 

*******************
STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:
Elenco A - B  /   Elenco C   /   Elenco D - H 
Elenco I - N /  Elenco O -R  /  Elenco S -
Z
*******************

SEDILI DI NAPOLI   CASE REGNANTI   ELENCO TITOLI
MEDIA   PUBBLICAZIONI   EVENTI  
ELENCO ANALITICO NOMI   MERCATINO ARALDICO   MAPPA DEL SITO
STEMMARIO   ORDINI CAVALLERESCHI

SCOPO   FONTI   CONTATTI   LINKS
HOME PAGE