Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia. 

Tarsia o di Tarsia

Arma: scaccato d'oro e di rosso.

     Aversa
© Stemmi della famiglia Tarsia

L’antica e nobilissima famiglia Tarsia o di Tarsia, di origine normanna, prese il nome dalla terra di Tarsia edificata in Calabria; godette di nobiltà in Monopoli, Conversano e Cosenza, dove si divise in due rami detti Tarsia di Alto e Tarsia di Basso.
I di Tarsia furono:
feudatari di Belmonte, Bonifati, Bisignano, Canina, Casalnuovo, Castiglione, Corigliano, Crucoli, Falconara, Fuscaldo, Latruca, Nucara, Riccaro, Santabarbara, Santangelo e Terranova;
patrizi di Cosenza;
conti di Rossano, Sangineto, Corigliano e Tarsia.
Tarsia, terra in Calabria Citra in diocesi di Rossano, fu edificata ai tempi dei normanni; il conte Boemondo di Tarsia nel 1160 comandante in seconda dei soldati di re Guglielmo I, detto il Malo, fu costretto a fuggire in Abruzzo; poi fu condannato al carcere perpetuo dallo stesso re.
Roberto fu castellano di Barletta per l’Imperatore Federico II di Svevia.
La famiglia vestì l’abito di Malta con Jacopo, Signore di Tarsia, Canne e Nucera, che fu Priore di Messina e poi di Barletta, Generale della Repubblica Veneta contro i Pisani; dal padre ereditò la terra di Riccarro in Basilicata e, avendo costruito un castello, la chiamò Rocca Imperiale. Fu consigliere di re Carlo I d'Angiò e suo ambasciatore a Tunisi.


Cappella famiglia di Tarsia del XIV secolo, passata poi ad altra famiglia.

Carlo Goffredo fu inviato da re Carlo I al Papa, col duca del Balzo, Bartolomeo Pignatelli arcivescovo di Salerno e Roberto di Lavagna, per ottenere dilazione al pagamento delle ottomila once di oro dovute per censo alla Corte di Roma.
Federico fu feudatario di Casalnuovo.
Odoardo fu armato cavaliere da re Carlo II d'Angiò nel 1300; fu Capitano Generale e Giustiziere della Calabria, Consigliere Reale e Vicerè di Principato Citra e Ultra, insieme a Pietro Ruffo conte di Catanzaro.
Ruggiero fu conte di Sangineto e conte di Corigliano.
Nel 1351 Tommaso Tarsia fu canonico e tesoriero della cattedrale di Cosenza.
Odoardo di Trasia assoldò una compagnia di militi per difendere il Regno e ottenne il feudo di Terranova.
La linea primogenita si estinse con Fiordiligi, moglie di Guglielmo Dinissiaco, Maresciallo del Regno.
Nicolò Galeazzo, avendo combattuto sotto le insegne di re Alfonso d’Aragona,  ebbe in dono, nel 1443, il feudo di Belmonte  e fu nominato Capitano dei Franchi nei regi casali.
Giacomo Tarsia ( 1492), figlio di Nicolò Galeazzo, possedette il feudo di Belmonte nel 1466; sposò Giovanna Cavalcanti dei baroni di Sartano, si narra che: affetto da una piaga cancerosa ad una gamba, fu guarito da un’erba poggiata sulla ferita da San Francesco di Paola;  fu riconosciuto come uno dei grandi benefattori del nascente Ordine dei Minimi.

Calabria
Paola, Santuario di San Francesco di Paola; il Santo guarisce Giacomo di Tarsia da una piaga cancerosa

Galeazzo I, figlio di Giacomo e Giovanna Cavalcanti, barone di Belmonte; poeta, Capitano di Guerra, Regio Consigliere e Reggente della Gran Corte del Regno. Sposò Giovanna Sanseverino
Sigismonda, sorella di Galeazzo I, sposò nel 1509 Pietro Paolo Parisio (1473 † 1544); quest'ultimo rimasto vedovo intraprese la carriera ecclesiastica e fu creato cardinale.
Polissena, sorella di Sigismonda, sposò Nicolò Cavalcanti.

Francesco, fratello del citato Giacomo, fu Giustiziere d' Abruzzo e Reggente della Gran Corte della Vicaria,  il quale comandò mille fanti in Lombardia al servizio dell’Imperatore Carlo V d'Asburgo-Spagna.

Vincenzo ( 1536) figlio di Galeazzo I, barone di Belmonte, signore di Santa Barbara ecc..., fu Capitano dei Franchi nei regi casali, così come risulta dalle scritture del 1519 a cura del notaio Benedetto Arnone. Sposò Caterina del Persico.

Galeazzo II di Tarsia (Napoli, 1520 ca. Belmonte 1553) figlio di Vincenzo, barone di Belmonte, signore di Santa Barbara ecc...; poeta, Accademico Cosentino. Nel 1547 fu confinato a Lipari con l'accusa di essere troppo autoritario con i sudditi. Sposò Camilla Carafa la quale gli premorì giovanissima; scrisse per lei le sue migliori rime; altre rime le scrisse per Vittoria Colonna; ebbero una sola figlia, Giulia.

Tiberio ( 1570), fratello di Galeazzo II, gli succedette nei titoli, morto senza prole, lasciò l'eredità a suo nipote Cola Francesco di Tarsia.

Nel 1574 il feudo di Belmonte fu messo all'incanto a causa della grave crisi economica in cui versava la famiglia; la predetta terra fu devoluta alla Regia Corte e, quindi, ai Ravaschieri; nel 1606 i Sanseverino vendettero il feudo di Tarsia a Vespasiano Spinelli, marchese di Cirò, per ducati 22.200.
Alcune parentele contratte dal casato, oltre quelle già citate:
Caselli: Margherita di Tarsia sposò Margheritone Caselli, cavaliere di Ludovico III e Signore di Cervicati.
Toraldo: Prospero Tarsia sposò, in seconde nozze, Lucrezia Toraldo dei Signori di Badolato.

Per la genealogia si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace.

_________________
Fonti bibliografiche:
- Biagio Aldimari, "Memorie historiche di diverse famiglie nobili...", Napoli 1691.
- Berardo Candida Gonzaga, " Memorie delle famiglie nobili", Napoli 1875.
- Luigi Palmieri, "Cosenza e le sue famiglie attraverso testi atti e manoscritti", Pellegrini Editore, 1999.
- Lorenzo Giustiniani, "Dizionario geografico-ragionato del Regno di Napoli", Napoli 1797-1816.
- Francesco Bonazzi di Sannicandro, "Elenco dei Cavalieri del S.M. Ordine di S. Giovanni di Gerusalemme", Napoli 1897.


Continua sul sesto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved  
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi