Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia.   

Giudice Caracciolo

Arma: trinciato di rosso e d'azzurro, alla banda d'argento sulla trinciatura.

 © foto proprietà www.nobili-napoletani.it
© Napoli,  Stemma di Nicola o Nicolaus Giudice, Principe di Cellamare, con le insegne delle Famiglie
imparentate: Sanseverino, Franchi e della Marra.

La famiglia Giudice o Giudice Caracciolo è uno dei tanti rami dei Caracciolo Pisquizi, detti anche Svizzeri, che anteposero al loro cognome quello di Giudice.
Il casato ottenne numerosi titoli:
- Nicola o Nicolau Giudice (1587 † 1681), figlio di Marcantonio e Donna Cornelia dei Franchi, fu il primo principe di Cellamare, cittadina in Terra di Bari, e successivamente duca di Giovinazzo e di Terlizzi (1651);
- nel 1649 principe di Villa S. Maria;
- nel 1616 marchese di Alfedana e duca di S. Elia;
- nel 1676 duchi di Gesso.
Nel 1722 don Francesco Caracciolo, principe di Villa S. Maria,  sposò donna Costanza Eleonora Giudice; ebbero un unico figlio, Nicola, morto senza eredi. Il titolo, per l'istituzione del maggiorascato passò a Filippo Caracciolo, duca del Gesso; dalla sua primogenita, nacque Francesco che acquistò il feudo di Cellammare e riunì in sé i titoli e i cognomi delle due estinte famiglie dei Giudice di Cellammare e dei Caracciolo di Villa.

Francesco Caracciolo sposò Maria Vittoria di Palma d'Artois; per figlio ebbe Giuseppe, principe di Cellammare e di Villa, il quale sposò Stefania Caracciolo dei duchi di Martina. Dal matrimonio nacque Francesco, cavaliere dell'Ordine di S. Gennaro, che sposò Marianna Muscettola, principessa di Leporano e, per maritale nomine, il titolo passò in Casa Giudice Caracciolo.
Giovan Battista, principe di Leporano, dal 1818 al 1836 fu amministratore del teatro San Carlo e vice presidente della Compagnia d'industria e belle arti.

Nel 1833 il cardinale Filippo Giudice Caracciolo († 29-1-1844) fu nominato arcivescovo di Napoli ed è ricordato er aver restaurato, a proprie spese, il Duomo;
fu confratello dell’Augustissima Arciconfraternita ed Ospedali della SS. Trinità dei Pellegrini e Convalescenti.

Pellegrini
Ritratto dell'arcivescovo Filippo Giudice Caracciolo

Il palazzo Cellamare di Napoli ha avuto vari proprietari:  i Carafa dei principi di Stigliano, i Guzman dei duca di Medina, i Giudice dei principi di Cellamare e gli Imperiali dei principi di Francavilla. In questo palazzo "...si accoglieva specialmente il fiore dei forestieri, che capitavano a Napoli, in quei tempi nei quali il viaggio in Italia e il soggiorno a Napoli erano venuti di moda." (Benedetto Croce in "Napoli Nobilissima", 1901, pag. 164)

© foto proprietà www.nobili-napoletani.it
© Napoli- ingresso Palazzo Cellamare

© foto proprietà www.nobili-napoletani.it

Napoli, palazzo Cellamare









 

© Immagine proprietà www.nobili-napoletani.it
© Napoli - Affresco con lo stemma di Nicola Giudice, principe di Cellamare

I:B.N.-  P.d.N.
Napoli - Palazzo dei Principi di Cellamare

Nel feudo di Cellamare, in Terra di Bari, il Casato possedeva nel XVI secolo un magnifico castello.

© Foto proprietà casa Longo de Bellis
Cellamare (BA) - Portale del Castello - © foto di Carlo Longo de Bellis

Sul portale d'ingresso del castello è collocato lo stemma lapideo dei Giudice Caracciolo Principi di Cellamare del XVI sec. e in seguito Duchi di Giovinazzo; nello stemma è presente un mascherone atropopaico scacciaspiriti che fa linguacce (contro la Jella), simile allo stemma del portale di Palazzo Longo di Modugno.

© Foto proprietà casa Longo de Bellis
Cellamare (BA) - Stemma sul portale del Castello - © foto di Carlo Longo de Bellis

I de Gemmis furono amministratori del feudo di Terlizzi. L'ultima erede del ramo dei duchi di Giovinazzo fu Eleonora Giudice Caracciolo morta senza figli nel 1770 e i feudi furono devoluti alla Regia Corte.

© foto di Carlo Longo de Bellis

© foto di Carlo Longo de Bellis

Giovinazzo(Ba) - Palazzo Ducale  edificato da Don Nicolò Giudice nell'anno 1659
© foto di Carlo Longo de Bellis

© foto di Carlo Longo de Bellis

© foto di Carlo Longo de Bellis

Per eventuali approfondimenti si consiglia di consultare le tavole genealogiche redatte da Serra di Gerace e gli Affari della “Real Commissione dei Titoli di Nobiltà”.

Indice delle pagine:
Caracciolo Rossi
Caracciolo Pisquizi
Caracciolo di Oppido
Caracciolo di Martina
Caracciolo del Sole
Giudice Caracciolo
Caracciolo di Miranda


Continua nel sesto volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 - All rights reserved
 

*******************
STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:
Elenco A - B  /   Elenco C   /   Elenco D - H 
Elenco I - N /  Elenco O -R  /  Elenco S -
Z
*******************

SEDILI DI NAPOLI   CASE REGNANTI   ELENCO TITOLI
MEDIA   PUBBLICAZIONI   EVENTI  
ELENCO ANALITICO NOMI   MERCATINO ARALDICO   MAPPA DEL SITO
STEMMARIO   ORDINI CAVALLERESCHI

SCOPO   FONTI   CONTATTI   LINKS
HOME PAGE